Le favole di Rodari al telefono (davvero)

Le favole di Rodari al telefono (davvero)

Olga Battaglia
Chiusi in casa, si riscoprono le favole. Magari al telefono, come quelle di Gianni Rodari. Bella l'idea della compagnia Campsirago Residenza che, in questi giorni di quarantena tutti da inventare, soprattutto se si hanno dei figli piccoli, propone Le favole al telefono, proprio al telefono!.
Funziona così: i genitori interessati si prenotano via mail (info@campisragoresidenza.it), indicando orario e numero sul quale essere richiamati. Risponderà il bambino che, a quel punto, interagendo con l'attore o l'attrice, sceglierà una delle fiabe dalla raccolta di Gianni Rodari. Più o meno come faceva il protagonista, il ragionier Bianchi, commesso viaggiatore di prodotti farmaceutici costretto dal lavoro lontano da casa, puntualissimo nel chiamare ogni sera la figlia per raccontarle una storia. Ce ne sono di fantastiche. Il palazzo di gelato, di cui ci si può abbuffare ma senza stare male. O La strada che non andava in nessun posto, con il suo protagonista Martino Testadura che non teme di imboccare un sentiero sconosciuto. Per non parlare degli strabilianti giochi matematici di Inventare i numeri, con tabelline come tre per tre latte e caffè. Ma non finisce qui. I bambini possono a loro volta inventare delle storie e mandarle a Campsirago Residenza, all'attenzione del ragionier Bianchi, naturalmente.
Tutte le informazioni su www.campsiragoresidenza.it.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Marzo 2020, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA