La metropolitana Rossa s'allunga oltre Bisceglie. Da ieri c'è una data di riferimento

La metropolitana Rossa s'allunga oltre Bisceglie. Da ieri c'è una data di riferimento per l'inizio dei cantieri, in tempi rapidi, di un'opera di cui a Milano si parla da decenni.
L'obiettivo di Palazzo Marino è infatti «indire la gara per la realizzazione del prolungamento della M1 fino a Baggio e al quartiere degli Olmi prima della fine del mandato 2021», ha annunciato il sindaco Giuseppe Sala, nel quotidiano videomessaggio postato su facebook, stavolta registrato all'aperto, proprio nel quartiere popolare all'estrema periferia ovest della città. All'incrocio tra le vie Bagarotti e Gozzoli, dove è prevista una nuova fermata della metro, ha spiegato che «ci vorrà qualche anno per vederla realizzata, ma il primo passo può essere compiuto tra pochi mesi». Ora l'allungo della M1 sembra dietro l'angolo. «Perché ha aggiunto il sindaco - c'è il consenso del governo e soprattutto ci sono i fondi, 350 milioni di euro». Secondo gli accordi risalenti allo scorso novembre, 210 milioni (sui 350 totali) sono garantiti dal ministero dei Trasporti, mentre la quota restante sono a carico di Comune e Regione.
Intanto prosegue la redazione del progetto definitivo per perfezionare e migliore quello embrionale: sono state pensate e già tracciate tre stazioni - Parri, Baggio e Olmi. Sono stazioni importanti per servire i popolosi quartieri di Baggio, Valsesia, Olmi e anche Fontanili, che è il nuovo rione a sud di Baggio; inoltre, saranno più collegati a Milano anche alcuni Comuni della prima fascia dell'hinterland, come Cesano Boscone, Trezzano, Settimo Milanese e Cusago.(S.Rom.)
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 17 Giugno 2020, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA