Fabrizio Ponciroli
La Lombardia è la regione italiana più rappresentata

Fabrizio Ponciroli
La Lombardia è la regione italiana più rappresentata alle Olimpiadi. Ben 58 le sue presenze a Tokyo 2020. Più donne che uomini: 33 a 25 per la precisione. Molte sono alla prima esperienza ai Giochi, altre sono esperte e puntano al grande risultato come, ad esempio, Arianna Errigo. La 33enne schermitrice di Monza è una delle punte di diamante della scherma azzurra che, ad ogni rassegna a cinque cerchi, riesce sempre a regalare grandi gioie azzurre. L'azzurra, dopo aver deluso a Rio 2016, punta a lasciare il segno a Tokyo e a riprendersi lo scettro di super campionessa del fioretto. Ci proverà, in campo maschile, anche il 37enne schermitore bresciano Andrea Cassarà, alla sua quinta Olimpiade (ha in bacheca due ori e un bronzo). Anche dalla pallavolo, sia femminile sia maschile potrebbero arrivare grandi soddisfazioni. Lombardia presente con le giocatrici Caterina Bosetti, Anna Danesi, Ofelia Malinov e i pallavolisti Simone Anzani, Alessandro Michieletto e Riccardo Sbertoli. Nutrito e ambizioso anche il gruppo degli azzurri del canottaggio (outsider per il podio il duo femminile lombardo Rodini-Cesarini) mentre, per la canoa, da segnalare il nome di Giovanni De Gennaro. Grande attesa anche per il nuoto dove spicca il nome del giovane pavese Federico Burdisso, possibile medaglia nei 200 farfalla. Tanta attesa anche per Vanessa Ferrari, la ginnasta argento a Londra 2012 tornata protagonista dopo un lungo stop e desiderosa di stupire nuovamente tutti. Tra i nomi più noti, attenzione a Danilo Gallinari e Filippo Tortu. Il primo, fuoriclasse NBA, ha già coronato il suo sogno, ovvero partecipare ad un'Olimpiade ma, con la nazionale di basket maschile, cercherà il miracolo per salire sul podio. Stesso discorso per la giovane stella azzurra dell'atletica, impegnata sui 100 metri e con la staffetta italiana.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Luglio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA