Berrettini, sfida a Djokovic per far sognare ancora l'Italia

Berrettini, sfida a Djokovic per far sognare ancora l'Italia

Massimo Sarti
L'appuntamento con la storia è fissato per la serata odierna, sul campo centrale del Roland Garros dedicato a Philippe Chatrier. Novak Djokovic e Matteo Berrettini non scenderanno sulla terra rossa parigina prima delle 20, con in palio un posto in semifinale presumibilmente contro il Re di Parigi, il maiorchino Rafa Nadal, trionfatore per ben 13 volte agli Open di Francia. Un dominio clamoroso, di cui ieri ha fatto le spese anche il nostro Sinner.
Djokovic vorrà interrompere l'egemonia dello spagnolo. Sinora nel torneo ha fatto percorso quasi netto, con i due brividi potratigli ieri da Musetti, capace di batterlo al tie break del primo e del secondo set. Poi Nole il numero 1 al mondo si è ripreso alla grande con un eloquente 6-1, 6-0, sino al ritiro di Musetti.
Djokovic amante dell'Italia si troverà di fronte un altro azzurro, quel Berrettini testa di serie n°9 ormai stabilmente tra i primi 10 al Mondo. Che ieri si è riposato, godendo del forfait di Federer. «Avrei preferito provare a guadagnarmela sul campo, ma sto bene, ho tanta energia e non vedo l'ora di affrontare Djokovic per i quarti», ha detto il tennista romano a Eurosport.
Facendo leva non solo sulle proprie caratteristiche migliori, ovvero servizio e dritto: «Nole è uno dei migliori risponditori del circuito e potrà darmi molto fastidio. Però credo che anche io potrò metterlo in difficoltà con le rotazioni, mi sento molto migliorato. Sarà una partita lottata. Sono al mio quarto Roland Garros, ho fatto esperienza e penso di stare giocando il mio miglior tennis sulla terra battuta».
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Giugno 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA