Alessio Agnelli
MILANO - Eriksen: rilancio Inter e il Tottenham dice sì.

Alessio Agnelli
MILANO - Eriksen: rilancio Inter e il Tottenham dice sì.

Alessio Agnelli
MILANO - Eriksen: rilancio Inter e il Tottenham dice sì. Un giovedì di contatti continui sull'asse Milano-Londra per Christian Eriksen. Nella capitale britannica, a trattare con gli Spurs su mandato del club di Suning, Martin Schoots, agente del fuoriclasse danese e latore della nuova offerta degli Zhang, pari a 15 milioni più 3 di bonus e vicinissima ai 20 di richiesta Tottenham. Nel capoluogo lombardo, invece, Beppe Marotta e Frank Trimboli, intermediario nell'operazione e in Italia per le battute conclusive di una trattativa, che potrebbe avere il suo epilogo in giornata. Ad ore, è attesa infatti la risposta di Daniel Levy, numero 1 degli Spurs, all'offerta recapitata da Schoots. Ma l'Inter non molla la presa, pronta a spingersi fino a 20, tra fisso (15 milioni) e bonus più o meno difficili (3 e 2), per il closing. Vicinissimo al Napoli, invece, Matteo Politano. Fra club fumata bianca per un prestito oneroso di 18 mesi, con obbligo di riscatto, per 25 milioni complessivi. Resta solo qualche dettaglio da limare. Come tra il Napoli e Politano, che ha detto sì all'azzurro, ma punta a un ingaggio da 2,2 milioni a stagione per il nero su bianco. Quindi, affare in via di definizione, con una postilla ininfluente ma al vaglio di Marotta: Fernando Llorente, proposto in prestito fino a giugno. Con l'ex Juve, l'Inter coprirebbe a costo zero la casella libera del vice-Lukaku. Ovviamente, con consequenziale rinuncia a Giroud, più caro (5 milioni più bonus), ma anche più apprezzato da Conte. Altro pour parler tra Inter e Napoli quello per Vecino e Allan, in un 2° scambio, anche se il nodo valutazioni (25 milioni l'uruguagio, 40 il brasiliano) rimane di difficile soluzione. Da ieri, intanto, ufficiale Victor Moses, con la formula del trasferimento a titolo temporaneo con diritto di opzione (fino a giugno, 12 i milioni fissati con il Chelsea per l'eventuale riscatto). Ho già parlato con Conte, mi ha spiegato il progetto e voglio farne parte- ha chiosato il nigeriano a InterTv-. Lavorare ancora con lui è una grande opportunità ed essere all'Inter è un onore. Darò il massimo per aiutare la squadra a vincere. Per Moses non è da escludere una panchina già domenica, contro il Cagliari. Chi non ci sarà, invece, è Valentino Lazaro, pronto all'approdo in Premier (in prestito a 1,5 milioni, con diritto di riscatto a 23,5) sponda Newcastle. E in fascia chance per Ashley Young, al debutto e in corsa con D'Ambrosio per la sostituzione dello squalificato Candreva a destra. Anche in mediana scelte obbligate: con Brozovic e Gagliardini ko e Vecino sul mercato, spazio a Barella, Sensi e Borja Valero.

Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA