Covid e varianti, ecco i controllori. Il piano della Asl: isole sorvegliate speciali
di Rita Cammarone

Covid e varianti, ecco i controllori. Il piano della Asl: isole sorvegliate speciali

 Ci saranno un referente Covid in ogni struttura ricettiva della costa pontina e posti riservati nel trasporto marittimo per il rientro in continente dalle Isole Ponziane di persone eventualmente risultate positive.
Sono i primi dettagli che emergono del piano di sicurezza improntato dalla Asl, con il coordinamento della Prefettura di Latina, per prendere di petto il Covid nel caso in cui rialzasse la testa con l'aggravante della variante Delta.
LE VARIANTI
I nuovi contagi in provincia di Latina, negli ultimi giorni, sono risultati tendenti allo zero: il bollettino della Asl di ieri ha censito, nella giornata di venerdì e a fronte di 230 tamponi processati, due nuovi casi nella sola città capoluogo. Ma la variante Delta, già passata ad Aprilia, richiede la massima attenzione in considerazione del grande afflusso di turisti attesi nelle località rivierasche pontine a partire dal primo luglio. La parola d'ordine è tempestività. «In ogni struttura alberghiera abbiamo previsto la figura di un referente Covid spiega Antonio Sabatucci, responsabile del dipartimento di Prevenzione della Asl di Latina che controlli la documentazione fornita dagli ospiti, compreso il green pass, ma che si occupi anche di far rispettare le regole anti-Covid e che si metta in stretto contatto con noi anche soltanto in caso di dubbi».
Sorvegliate speciali saranno anche le isole di Ponza e Ventotene con particolari servizi di tracciamento del virus. Il coordinamento prefettizio, in vista della definizione del piano di sicurezza che sarà presentato in settimana - chiederà alle società di navigazione, che assicurano il trasporto delle persone, di riservare per ogni corsa verso il continente un posto isolato in caso di rientro di un positivo al Covid.

Qualora non fosse possibile organizzare questo servizio, la Asl di Latina confida nella collaborazione con la Capitaneria di porto per la messa a disposizione di proprie imbarcazioni. Intanto, almeno stando agli ultimi dati forniti dalla Asl di Latina, il dato dei decessi dovuti al Covid è zero da nove giorni consecutivi. Dall'ultimo bollettino sono risultate 87 persone guarite. Nella giornata di venerdì, presso gli hub pontini, sono state somministrate 5.242 dosi di vaccini anti Covid.
LA VACCINAZIONE
Nel primo pomeriggio di ieri la campagna vaccinale pontina ha superato la quota di 365mila inoculazioni, riuscendo ad immunizzare circa 127mila persone. Dai primi di luglio è attesa un'ulteriore accelerazione dovuta all'anticipazione dei richiami per chi ha ricevuto il farmaco Astrazeneca come prima dose. Un'iniziativa presa per la massima copertura contro la variante Delta. Ieri nel Lazio sono stati superati i cinque milioni di somministrazione di vaccini. «Saremo la prima delle grandi regioni italiane a raggiungere l'intera copertura vaccinale per il 70% della popolazione ha detto l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato - Un risultato notevole soprattutto nel momento in cui è necessario correre più della variante».
Rita Cammarone
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Giugno 2021, 10:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA