Caro bollette, 1.700 padovani chiedono aiuto allo sportello di Comune e associazioni

Video

di Redazione Web

PADOVA - Sono più di 1.700 i padovani che si sono rivolti allo sportello per il caro bollette realizzato lo scorso anno da Comune e associazioni dei consumatori della Camera di commercio. In tutto sono state avviate 659 praticheLa maggior parte delle richieste è arrivata da persone in età superiore ai 60 anni con il 41% a seguire la fascia tra i 50 e i 60 anni con il 28% mentre tra i 40-50enni si scende al 19% e tra le persone più giovani tra i 20 e i 40 appena il 12%. La grandissima parte delle richieste di consulenza e aiuto riguarda le bollette di luce acqua e gas seguito da telecomunicazioni 17% e servizi finanziari con il 12%.

Grazie ad una serie di sportelli aperti ad hoc a Padova, Abano, Monselice, Conselve e Cittadella, cittadini consumatori e piccole medie imprese hanno potuto e continuano a poter rivolgersi per ricevere aiuto su come risolvere controversie con aziende di e-commerce, contestare utenze, risolvere controversie con le assicurazioni e molto altro.

«Questi mesi sono stati molto intensi e continuano ad esserlo sul fronte del caro bollette, dell’inflazione e quindi assieme alla associazioni dei consumatori - ha spiegato l'assessore al Commercio, Antonio Bressa - ci siamo messi a fianco delle persone e abbiamo visto dai dati che si tratta di persone sopra una certa età che hanno bisogni di essere aiutate, per capire se i contratti che hanno sono dei contratti adeguati, per capire se c’è la possibilità di risparmiare cambiando fornitore, per capire anche che quando ci sono dei momenti di difficoltà, per esempio arriva una bolletta troppo pesante, è possibile rateizzare, come farlo e come andare a conciliare con i fornitori. Sono tutte attività di informazione e consulenza fondamentali in questa fase che noi proponiamo sostenendo l’azione delle associazioni dei consumatori».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Febbraio 2023, 16:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA