Roma, rogo camper, l'autopsia: "le tre sorelle arse vive sorprese nel sonno"

Rogo camper, l'autopsia: "le tre sorelle arse vive nel sonno"
ROMA - Una morte terribile. Elizabeth, Angelica e Francesca, le tre sorelle di etnia rom rimaste coinvolte nell'incendio del camper avvenuto il 10 maggio scorso, sono morte arse vive, avvolte dalle fiamme. La drammatica conferma su quanto avvenuto in un parcheggio nella zona di Cinecittà a Roma è arrivata dall'autopsia svolta sui resti delle tre ragazze di 20, 8 e 4 anni. Un decesso, secondo quanto accertato dall'equipe guidata dal professore Antonio Oliva, che non è dovuto ad asfissia ma proprio alla ferocia di quelle fiamme appiccate da un uomo, ancora ricercato, che intorno alle 3 di notte, così come ripreso da un filmato di una telecamera a circuito chiuso posta all'interno del parcheggio, ha lanciato in direzione del mezzo una bottiglia incendiaria. Le fiamme in pochi attimi hanno avvolto il camper, dove dormiva l'interva famiglia Halilovic, in tutto 11 persone. I genitori e i fratelli delle tre vittime sono riuscite a mettersi in salvo ma per le tre sorelline, forse colte nel sonno, non c'è stato scampo.



Nel corso dell'esame autoptico sono stati effettuati alcuni esami strumentali, tra cui anche una tac: le fiamme e il calore altissimo hanno fatto diventare, in pochi istanti, il camper una sorta di prigione senza scampo per le ragazze che dormivano su tre cuccette di fortuna. Continuano, intanto, le indagini per risalire al responsabile materiale dell'incendio che deve rispondere di omicidio volontario plurimo. Gli investigatori sono al lavoro per rintracciare proprio il sospettato immortalato dalle telecamere. Anche oggi sono stati passati al setaccio alcuni campi nomadi della città. Tra le ipotesi, però, anche quella che l'uomo possa aver abbandonato la capitale dunque le ricerche sono state estese anche fuori Roma. Non si esclude, inoltre, che possa aver agito con la complicità di altre persone, che lo aspettavano magari nei pressi del parcheggio sopra al centro commerciale di Via della Primavera, teatro della tragedia.

Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Maggio 2017, 18:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA