Oksana, il killer ossessionato dal 24 agosto:
"Anniversario della morte della compagna"

Oksana, il killer ossessionato dal 24 agosto: ​"Anniversario della morte della compagna"
ROMA - Federico Leonelli, l'uomo che ha decapitato la colf ucraina Oksana Martseniuk in una villa all'Eur, era ossessionato dal 24 agosto, data in cui ha compiuto il tremendo delitto.





L'assassino della colf ucraina, in quella data, due anni fa, aveva perso la compagna di una vita a causa di un ictus. Un evento che aveva aggravato la sua patologia psichica di lunga data. E l'anno scorso, nel primo anniversario, sempre il 24 agosto aveva avuto una grave crisi a Berlino ed era stato sottoposto a un ricovero coatto.



È quanto ha ricostruito il Tg regionale Rai del Lazio sulla base di informazioni fornite dal legale della famiglia Leonelli. Il giovane informatico non avrebbe quindi scelto a caso il 24 agosto, domenica scorsa, per uccidere e decapitare la 38enne ucraina nella villa all'Eur, a Roma: in lui sarebbe ancora una volta scattato qualcosa legato al ricordo della perdita della fidanzata.

Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Agosto 2014, 09:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA