Roma, incendio di un camper: morte tre sorelle di 20, 8 e 4 anni.
"È omicidio, esclusa pista xenofoba". Ipotesi vendetta

Video

Una notte di inferno a Roma, in zona Casilino 23. Un incendio è scoppiato all'interno di un camper in via Mario Ugo GuattariNel rogo è morta una ragazza e due bambine. Sul posto vigili del fuoco e polizia. Tre sorelle di 20, 8 e 4 anni hanno perso la vita.
 
 


Francesca Halinovic del 2009, Angelica Halinovic del 2012 ed Elisabeth Halinovic del 1997. Genitori e fratelli sarebbero riusciti a scappare dal rogo. Il camper si trovava nel parcheggio di un centro commerciale e all'interno viveva una famiglia di etnia rom composta dai genitori e 11 figli. Le fiamme hanno avvolto completamente il veicolo. La procura di Roma indaga per omicidio volontario, oltre che per rogo doloso: a determinare tale configurazione la scoperta di tracce di liquido infiammabile all'esterno del camper andato a fuoco.



Rose dai cittadini. Un mazzo di fiori, tre rose rosse, lasciate accanto alla carcassa del camper distrutto da un incendio la scorsa notte a Roma in cui hanno perso la vita tre sorelle di etnia rom. A lasciarlo un cittadino con accanto un biglietto: «mi unisco al dolore della famiglia». L'area del parcheggio del centro commerciale in via della Primavera, periferia di Roma, è ancora transennata. Nella carcassa carbonizzata del camper si intravede un triciclo.


Il sindaco Raggi in via Guattari

Raggi: cordoglio. «Esprimiamo cordoglio perché quando ci sono delle vittime si rimane in silenzio». Lo ha detto la sindaca Virginia Raggi al termine della visita sul luogo dell'incendio di un camper avvenuto la scorsa notte a Roma in cui sono morte tre sorelle di etnia rom. «La Procura indagherà sulle cause - aggiunto - vi daremo aggiornamenti quando ne avremo».

Mattarella: "Crimine orrendo". "Chiunque sia stato, è un crimine orrendo: quando si arriva a uccidere dei bambini si è al di sotto del genere umano. Mi auguro che magistratura e forze dell'ordine riescano ad individuare e punire i colpevoli perchè è inaccettabile quel che è avvenuto, chiunque sia stato".

Movente, forse vendetta tra nomadi. Sembrerebbe essere esclusa al momento la pista razziale per far luce sull'incendio della scorsa notte di un camper a Roma in cui hanno perso la vita tre sorelline di etnia rom. Lo si apprende da fonti investigative. Dunque l'ipotesi più accreditata, anche alla luce di testimonianze, è quella di una vendetta maturata in ambienti nomadi.(

 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Maggio 2017, 16:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA