Uccisa nel sonno, il fratello di Patrizia: "Ci vuole la pena di morte"

Uccisa nel sonno, il fratello di Patrizia: "Ci vuole la pena di morte"

Lo sfogo. «Ci vuole la pena di morte per chi uccide: un delinquente toglie la vita e poi vive tranquillo, mantenuto per anni in carcere. Non è giusto. Ed è colpa della politica».



Così Beniamino Formica, tra le lacrime, parla dell'uccisione della sorella, Patrizia, accoltellata dal convivente della donna, Salvatore Pirronello, di 53. «Lui non era l'uomo giusto per lei - aggiunge - io glielo avevo detto a mia sorella, ma lui ha minacciato me, la mia famiglia e i miei figli e io mi sono fatto da parte. Mia sorella ha presentato denuncia contro di me per salvare questo demonio, il suo assassino». 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Aprile 2017, 17:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA