SPERIMENTAZIONE ANIMALE? IL SENATO DICE SÌ. IL MINISTRO LORENZIN CONTRADDICE SE STESSA

SPERIMENTAZIONE ANIMALE? IL SENATO DICE SÌ. IL MINISTRO LORENZIN CONTRADDICE SE STESSA

di Remo Sabatini
I test e le sperimentazioni sugli animali possono continuare. Il Senato ha infatti approvato la proroga richiesta dall'emendamento De Biasi, Cattaneo e altri, per altri tre anni rispetto ai 5! richiesti. Nel nostro Paese, infatti, ancora oggi gli effetti di fumo, alcol e droghe sono testati sugli animali nonostante quel mezzo mondo che, nel frattempo, ha detto addio alla sperimentazione animale ormai considerata superata, poco indicativa nei risultati ed eticamente discutibile rispetto alle nuove tecniche scientifiche. Così, per altri tre anni, si proseguirà a fare esperimenti sulla pelle degli animali che, calcolati in decine di migliaia, saranno costretti a provare l'ebrezza dei vizi umani. Dai fumi dell'alcol fino a quelli delle ultratassate sigarette, per arrivare al consumo di droghe, nulla verrà taciuto, ai teneri animaletti, in tema di umane fragilità. Nemmeno quella crudeltà e quella inutile barbarie che, oggi e da un po', erano ritenute superate.

Singolare, a margine, rilevare come l'attento Ministro della Salute Lorenzin possa aver disatteso le speranze di chi aveva tirato un sospiro di sollievo di fronte al Decreto legislativo, firmato dal Ministro Lorenzin stesso, nel lontano 2014 e che introduceva disposizioni beneauguranti sulla protezione degli animali utilizzati a scopo scientifico, in attuazione della Direttiva Europea 2010/63/UE. Singolare... Meglio farsi un cicchetto e aspettare l'effetto che fa.

Ultimo aggiornamento: Giovedì 16 Febbraio 2017, 15:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA