Serena Mollicone, dopo 16 anni la svolta sull'omicidio: ecco cosa è emerso

Serena Mollicone, dopo 16 anni la svolta sull'omicidio: ecco cosa è emerso

  • 872
    share
Il caso di Serena Mollicone potrebbe essere ormai prossimo alla chiusura.  Luciano D’Emmanuele, il procuratore della Repubblica di Cassino (Frosinone), ha rivelato a Giallo che potrebbe esserci una svolta sulla scomparsa della donna.  Serena venne trovata morta nel 2001 dopo due giorni in un boschetto di Fonte Cupa, a una manciata di chilometri dal suo paese, con le mani e i piedi legati e la testa infilata in un sacchetto di plastica. Per il suo omicidio i sospetti ricaddero su tre persone.



I sospetti ricaddero sull'ex maresciallo Franco Mottola, allora comandante della stazioArce (Frosinone) ne dei carabinieri di Arce, sua moglie Anna Maria e il loro figlio Marco che sarebbe stato denunciato dalla stessa Mollicone per spaccio. Dopo 16 anni sembra confermata la tesi che la ragazza fu uccisa in caserma questo perché le ferite riportate alla testa sarebbero compatibili con lo sfondamento di una delle porte di un alloggio della stazione dei carabinieri di Arce, lo stesso che la famiglia Mottola fece pulire in fretta e a fondo proprio il giorno della scomparsa della ragazza. Inoltre sulla stessa porta sono state ritrovate tracce di un pugno che corrisponde all'impronta di uno dei tre indagati.

Felice per la svolta il padre della ragazza: «La verità sulla morte di mia figlia è vicina. Lo avevo giurato alla mia Serena che non mi sarei mai fermato. E così è stato».
Venerdì 16 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-16 15:02:46
Se chi deve tutelare e chi uccide sono la stessa persona...nessuna pietà. Il massimo della pena.
DALLA HOME