Bollette, le proposte più insolite per risparmiare: «Cambiate le mutande ogni tre giorni»

Bollette, le proposte più insolite per risparmiare: «Cambiate le mutande ogni tre giorni»

di Bianca Amsel

Mentre i governi predispongono tagli ai consumi, ministri ed esperti forniscono consigli su come risparmiare in bolletta, alcuni sono veramente insoliti.

Bollette, gli errori dei fornitori che possono far risparmiare: tutti i controlli da fare, dal contratto all'autolettura

Caro bollette, la ministra svizzera: «Per risparmiare fate la doccia insieme»

La doccia in due

Giorni fa il ministro dell'ambiente svizzero, la socialista Simonetta Sommaruga, per invitare gli elvetici a risparmiare energia aveva proposto di fare la doccia in due. La notizia è stata ripresa dai media di tutto il mondo che hanno ironizzato sulla frase suggerendo provvedimenti paralleli come: «fare l'amore ogni mattina per riscaldarsi» o «andare in ufficio a braccetto per mantenere il livello di temperatura corporea». 

Cambiate le mutande ogni tre giorni

Fulco Pratesi invece, ambientalista e presidente onorario del WWF, la doccia la sconsiglia del tutto: «Non la faccio da decenni e cambio le mutande ogni due, tre giorni» confessa in un’intervista per il Corriere della Sera. Il consiglio è quello di lavarsi a pezzi con una spugna per non sprecare acqua, usare poco il pigiama e stare attenti all'intimo così da non fare troppe lavatrici. Inoltre scaricare il WC tutte le volte che si va in bagno è un gesto sconsiderato: «Lo si può tirare giù anche ogni due pipì» aggiunge. Inutile dire che anche Pratesi è caduto nel mirino del web che ha definito le sue proposte: a metà tra l’Alto Medioevo e Fantozzi.

Non indossate la cravatta

Meno bizzarro ma pur sempre alternativo il consiglio del primo ministro spagnolo Pedro Sanchez che ha dichiarato: «Ho chiesto ai ministri e alle ministre, a tutti i funzionari pubblici e al settore privato di non usare la cravatta, perché anche così risparmieremo energia. Chi indossa una cravatta patisce maggiormente il caldo, e per questo può essere spinto a regolare i termostati dei sistemi di condizionamento su temperature più basse, che richiedono un maggior dispendio di energia»

.

Nel 2011 un suggerimento simile era stato promosso dal governo giapponese, che aveva invitato le persone che lavorano negli uffici a indossare vestiti leggeri d’estate. Più di recente nel Regno Unito i parlamentari hanno ottenuto il permesso di non indossare la giacca all’interno del palazzo del Parlamento.


Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Settembre 2022, 18:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA