Ruby, lascia la toga il giudice che voleva la condanna di Berlusconi: "Non ho agito d'impulso"

Ruby, lascia la toga il giudice che voleva la condanna di Berlusconi: "Non ho agito d'impulso"

MILANO È arrivata solo oggi attorno a

mezzogiorno e mezza alla presidenza della Corte d'Appello di Milano la comunicazione formale del giudice Enrico Tranfa, presidente del collegio che ha assolto in secondo grado Silvio Berlusconi dal caso Ruby, delle sue dimissioni dalla magistratura. Infatti, da quanto si è appreso in ambienti giudiziari, stamane, quando la notizia della sua decisione di abbandonare la toga per dissenso con gli altri due giudici è rimbalzata sui vari organi di stampa, uno dei dirigenti degli uffici giudiziari milanesi si è informato sulla veridicità delle dimissioni presso gli uffici preposti dell'Inps. Uffici ai quali ieri Tranfa, dopo il deposito delle motivazioni dell'assoluzione dell'ex premier, aveva inviato la comunicazione di anticipare la sua uscita dalla magistratura rispetto alla fine del 2015 quando sarebbe andato in pensione.

Parla il giudice. "Ho dato le dimissioni, punto. Ognuno pensi quel che vuole" Così, con una dichiarazione secca, il giudice Enrico Tranfa si è dimesso dalla sua carica di presidente del collegio d’Appello alla seconda sezione del Tribunale di Milano. Ha lasciato subito dopo aver firmato le motivazioni della sentenza che ha assolto Silvio Berlusconi nel cosiddetto processo Ruby. Lo ha detto all’ANSA Enrico Tranfa, il presidente della Corte d’appello che ha assolto Silvio Berlusconi dal caso Ruby e che ieri dopo aver firmato le motivazioni, si è dimesso dalla magistratura per dissenso con il resto del collegio. Il giudice, che ha 70 anni e è entrato in magistratura nel 1975, ha detto che la sua è stata una decisione “meditata”. «In tutta la mia vita non ho fatto mai nulla di impulso» ha detto. Il giudice ha anche detto che seguirà il consiglio di fare molti viaggi in giro per il mondo. «Nessuno è indispensabile , tutti possono essere utili» ha concluso.


Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Ottobre 2014, 10:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA