Morti in corsia, l'infermiera Laura Taroni condannata a 30 anni. Il medico-amante rinviato a giudizio

Morti in corsia, l'infermiera Laura Taroni condannata a 30 anni. Il medico-amante rinviato a giudizio

Laura Taroni, infermiera del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stata condannata dal Tribunale di Busto Arsizio (Varese) a 30 anni, come aveva chiesto l'accusa, in abbreviato per gli omicidi del marito Massimo Guerra e della madre, Maria Rita Clerici, di cui è accusata in concorso con l'amante e medico Leonardo Cazzaniga.

LEGGI ANCHE ---> "Il marito costrinse l'infermiera ad abortire, il figlio era del medico"



Leonardo Cazzaniga, medico ed ex direttore del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stato rinviato a giudizio dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) per nove morti in corsia e per l'omicidio, in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni, del marito e della madre della donna. Cazzaniga è stato anche rinviato a giudizio per la morte del suocero di Taroni, Luciano Guerra, posizione per la quale l'infermiera è stata assolta in abbreviato, su richiesta della stessa accusa.

Venerdì 23 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-23 17:27:53
2 psicopatici..fine dei giochi, assassini
DALLA HOME