Max Biaggi, paura in pista: "Trauma toracico, diverse costole rotte".
Non è in pericolo di vita, con lui Bianca Atzei e la Pedron

di Mauro Evangelisti
Max Biaggi è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale San Camillo di Roma dopo un incidente in moto avuto sulla pista del Sagittario, a Latina. Biaggi, soccorso dal 118, è arrivato con l'eliambulanza al pronto soccorso dell'ospedale romano San Camillo dopo un incidente in moto sulla pista del Sagittario a Latina.  Secondo quanto si è appreso l'incidente è avvenuto in mattinata mentre erano in corso le prove per la gara prevista domenica sul circuito del Sagittario. Biaggi ha riportato diversi traumi e la sospetta frattura della spalla. Quando è stato soccorso dal personale del 118 era cosciente. Biaggi non è in pericolo di vita, si apprende da fonti dell'Ospedale San Camillo, secondo le quali. Biaggi, viene precisato, non ha mai perso conoscenza, ha parlato e lamenta «un dolore interscapolare. Il motociclista è stato sottoposto a tac. Al suo capezzale la fidanzata, la cantante Bianca Atzei, la mamma, alcuni parenti e un amico. 





POLIZIA SUL POSTO Max Biaggi, ferito in un incidente nel circuito Sagittario di Latina, in diverse occasioni si era allenato sulla pista che si trova lungo la Pontina e domenica prossima, 11 giugno, avrebbe dovuto partecipare alla gara degli Internazionali di Supermoto in classe Onroad. La dinamica dell'incidente è ancora da chiarire. Il circuito è stato raggiunto dalla polizia di Latina per i primi accertamenti, mentre il pilota romano è stato trasferito in eliambulanza al San Camillo di Roma. Proprio su questa pista nel 2013 si era consumata una tragedia: un incidente in cui era rimasto vittima il giovane pilota Doriano Romboni, morto proprio nel giorno in cui partecipava, sul circuito del Sagittario, al Sic Day, il memorial in ricordo di Marco Simoncelli. 



IL PRIMO BOLLETTINO MEDICO «Max Biaggi ha riportato la frattura multipla delle costole e per precauzione nelle prossime ore sarà ricoverato nel reparto di rianimazione». Lo ha detto il direttore del pronto soccorso dell'ospedale San Camillo di Roma, Emanuele Guglielmelli. «Per ora la prognosi è riservata, ma se tutto andrà bene, guarirà in trenta giorni», ha aggiunto. «Biaggi è giunto in ospedale - ha spiegato il direttore del pronto soccorso - alle 14,04, in elisoccorso. La rete del 118 ha funzionato molto bene, siamo stati subito allertati come avviene in casi simili. Quando è arrivato era sveglio e cosciente, non ha mai perso conoscenza. Ha un trauma toracico importante e per questo motivo, a scopo precauzionale, lo ricovereremo nel reparto di rianimazione. La prognosi resta riservata e alle 19 verrà emesso un nuovo bollettino». Ai cronisti che gli chiedevano se Biaggi avesse riportato anche un pneuma-torace, il medico ha risposto: «C'è una piccola faldina che stiamo monitorando». Il medico, sempre rispondendo alle domande, ha poi aggiunto: «Se non ci saranno complicazioni la prognosi sarà di 30 giorni». 
 
AL PADRE: "L'ABBIAMO SFANGATA" «Anche stavolta l'abbiamo sfangata». Lo ha detto Max Biaggi al padre Pietro, mentre si trovavano al pronto soccorso dell'ospedale San Camillo, dove il motociclista è stato ricoverato per un incidente sul circuito Sagittario di Latina. «Sarebbe ora di smettere di fare gare». «Proprio ieri sera - ha raccontato - mi sono arrabbiato perché Bianca (Atzei, ndr) ha domandato a Max: 'Lo hai detto a tuo padre della gara di domenica?', e mi sono proprio arrabbiato». Ai cronisti che gli domandavano se Max Biaggi avesse avuto paura, il padre ha replicato: «Lui no, ma io sono 25 anni che ho paura. Sta meglio di quanto ci avevano detto all'inizio, ma ha preso una gran botta davanti», ha concluso indicando il torace.
 
 

PEDRON: PAURA PASSATA «Paura passata? Ora sì. Ci ho parlato, va bene». Lo ha detto l'ex compagna di Max Biaggi, Eleonora Pedron, uscita dal pronto soccorso, dove è stato ricoverato il primo pomeriggio il campione Max Biaggi.  «Sono qui con il mio amore e non lo lascio un secondo. Adesso lo portano in terapia intensiva per monitorizzarlo. Una gran paura al mio cuore», ha scritto invece su twitter la cantante Bianca Atzei, fidanzata del pilota. 

DA 25 ANNI SULLA MOTO Una vita da 'Corsarò totale, fra vittorie e curve spericolate, vissuta sulle piste come sulle copertine dei giornali di gossip. Max Biaggi è ancora un'icona del motociclismo, per il suo modo di correre sempre all'arrembaggio, senza freni né paure, fino all'incidente di stamattina. Il 'Corsarò non è in pericolo di vita, è sempre stato cosciente: ha fratture multiple, guarirà in 30 giorni. Sei titoli iridati e un bis in Superbike. Ha smesso con le gare mondiali, ma Biaggi non è mai sceso dalla sua passione per le due ruote. La Supermoto, un'enduro con gomme da strada, l'ultimo divertimento, con qualche gara corsa grazie a una wild card, fino alle prove di stamattina.

Max Biaggi, classe 1971, ha vinto quattro titoli mondiali nella classe 250 (in cui esordì nel 1991) in quattro anni consecutivi, dal 1994 al 1997: i primi tre con l'Aprilia, l'ultimo con la Honda. È poi passato alla classe regina (prima 500, poi MotoGp), nella quale è stato tre volte vicecampione del mondo: nel 1998 dietro all'australiano Mike Doohan (Honda), nel 2001 e 2002 dietro a Valentino Rossi (Honda). E con il campione di Tavullia non è mai stato 'amorè: tra i due ha sempre dominato una certa rivalità, in pista e fuori, con Rossi che, nella classe regina, ha dettato legge e Biaggi al quale invece è mancato proprio il sigillo nella 500 prima e nella MotoGp poi.




Nella lunga carriera fatta comunque di successi, l'addio al Motomondiale arriva a fine 2005, dopo il 5/o posto in MotoGp. Un anno sabbatico lontano dalle corse, per poi tornare in pista nel 2007, in Superbike, con la Suzuki. Dopo un anno con il Team Gmb Ducati, nel 2009 il felice passaggio all'Aprilia, con il quarto posto finale, coronato però dal titolo arrivato l'anno successivo. Il 7 novembre 2012, con una conferenza stampa nell'autodromo di Vallelunga, Biaggi annuncia il ritiro dall'attività agonistica.

Lasciate le competizioni motociclistiche, nel 2013 stringe un accordo di collaborazione in tv per il commento tecnico nelle telecronache delle gare del Mondiale Superbike. Nel 2015, dopo due anni e mezzo di lontananza dalle corse, torna in sella, divenendo collaudatore del team Aprilia per quel che concerne i test di sviluppo della RSV4 RF. Sempre nella stessa stagione torna a competere nel Mondiale Superbike, partecipando come 'wild card' ai Gp di Misano e Sepang, cogliendo il podio nella prova malese.

Il 19 dicembre 2016 veste i panni del team manager, fondando il Max Racing team (Moto 3) del Campionato italiano velocità. Considerato un 'latin lover' (gli sono stati attribuiti flirt con donne bellissime, come Naomi Campbell, Claudia Schiffer e Anna Falchi), la residenza a Montecarlo e una querelle col fisco italiano (è in dirittura d'arrivo il processo con l'accusa di evasione per 18 milioni), Biaggi è stato per 11 anni legato all'ex Miss Italia, Eleonora Pedron, dalla quale ha avuto due figli. Dal 2015 è al fianco della cantante Bianca Atzei. Tutte e due accorse oggi al capezzale del 'Corsarò. 

Venerdì 9 Giugno 2017, 13:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA