Marò, Girone non sarà a parata del 2 giugno.
Renzi. "Non è bandierina da esibire"

Video

Matteo Renzi, intervistato dal Tg 5, esprime soddisfazione per il rientro in Italia di Salvatore Girone ma avverte: ora dobbiamo consentirgli di vivere con gioia questo momento in famiglia. Da qui la necessità di evitare mancanza di sobrietà e di stile. Il che si traduce in un parere negativo in merito all'ipotesi di far sfilare il marò alla parata del 2 giugno. 
 

 


Salvatore Girone, spiega Renzi, «non sarà con noi alla parata, perché abbiamo riportato a casa Girone con il buon senso, quello che è mancato ad alcuni nostri governi che ci hanno preceduto nei mesi e negli anni scorsi. Buon senso significa consentirgli in questo momento di stare con la sua famiglia, consentire di vivere con gioia la festa delle Forze Armate, perchè saremo tutti felici del fatto che non ci sono due marò in territorio straniero, ma contemporaneamente anche evitare di vivere questa fase senza sobrietà e senza stile».

«Io ieri non sono andato all'aeroporto a prendere Girone -ricorda Renzi- non perchè non fossi felice di poterlo abbracciare, ma perchè in passato troppo spesso si è strumentalizzata la vicenda dei marò. La gioia profonda di avere riportato a casa tutte e due i marò non deve essere oggi esibita come bandierina politica. Buon senso e determinazione, così va avanti l'Italia».


Ultimo aggiornamento: Domenica 29 Maggio 2016, 15:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA