Orlando, l'ex moglie di Mateen:
"Era instabile e mi picchiava" -Foto

Orlando, l'ex moglie del killer: "Era instabile e mi picchiava"
Sitora Yusufiy è la ex moglie di Omar Mateen, l'autore della strage di Orlando.
 
 


Parlando con il Washington Post, la donna afferma di essere stata vittima di violenze e abusi: «Non era una persona stabile. Mi picchiava. Tornava a casa e iniziava a picchiarmi perchè la lavatrice non era finita o per motivi analoghi».
 
 


I due si erano incontrati diversi anni fa online e la donna dopo un periodo si era trasferita in Florida per stare con lui. «Sembrava una persona normale» mette in evidenza la donna, ricordando che i due hanno divorziato nel 2011. La donna non lo descrive come un devoto alla religione: «Preferiva trascorrere il suo tempo in palestra».

IL KILLER NELLA MOSCHEA DEL KAMIKAZE Non solo la palestra. Il killer di Orlando ha frequentato anche la moschea dove si recava occasionalmente a pregare Moner Mohammad Abusalha, un attentatore suicida che si è fatto esplodere in Siria. Lo riporta la Cnn, secondo cui, per il portavoce della moschea, non è chiaro se i due si conoscessero.  L'attentatore suicida a cui si fa riferimento è Moner Muhammad Abusalha, conosciuto anche come Al-Amriky (l'americano), cittadino Usa originario della Florida. Era un militante di un gruppo affiliato ad al Qaida. Sarebbe morto in un attacco kamikaze nella provincia di Idlib, in Siria, nel 2014. Un video shock lo riprenderebbe mentre si fa saltare in aria a bordo di un camion. Abu-Salha è considerato il primo americano a commettere un attentato suicida in Siria.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Giugno 2016, 18:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA