Gioca al computer per tre settimane di fila e muore a 17 anni: stroncato da una trombosi

Gioca al computer per tre settimane di fila
e muore a 17 anni: stroncato da una trombosi

MOSCA - Giocare troppo al computer è davvero pericoloso. Quando si supera il limite, poi, i danni sulla nostra salute sono assolutamente gravissimi. Ne sa qualcosa un adolescente 17enne di Uchaly, nel sud della Russia, conosciuto solo come Rustam.

Secondo quanto riferito dai media russi, avrebbe giocato per ben 22 giorni consecutivi al gioco 'Defence of the Ancients'.

La bellezza di 2000 ore di gioco, interrotte solo per alcune minuti, per mangiare e per andare in bagno. Sembra che il ragazzo si sia appassionato al gioco inizialmente per ingannare il tempo, trovandosi obbligato a non poter uscire dopo un infortunio alla sua gamba.

I suoi genitori lo hanno trovato privo di sensi dentro la sua stanza: ricoverato in ospedale è stato dichiarato morto dopo il suo arrivo.

I medici, dopo l'autopsia, hanno dichiarato che il ragazzo è morto in seguito alla Sindrome della Classe Economica, una forma di trombosi venosa profonda, causata dalla compressione di una vena pr un periodo prolungato di tempo. Questa compressione avviene sempre quando una persona si trova in posizione seduta o accucciata.

"Le persone possono soffrire di questo problema durante i voli a lungo raggio, quando sono costretti a stare seduti per molto tempo - ha commentato il medico Azat Hafizov - Il ragazzo è morto per colpa di una trombosi scatenata proprio per colpa della sua posizione seduta prolungata".


Ultimo aggiornamento: Venerdì 4 Settembre 2015, 09:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA