La stangata alla vigilia dell'inverno: da ottobre gas +5,4%
e luce +1,7%. "Aggravio di 21 euro a famiglia"
di Marco Zorzo

La stangata alla vigilia dell'inverno: da ottobre gas +5,4% e luce +1,7%. "Aggravio di 21 euro"

MILANO - Un deja vu che puntualmente si ripropone ogni anno: l’aumento delle bollette di luce e gas. L’Autorità per l’energia l’ha comunicato. Da domani il metano subirà un rincaro del 5,4%: colpa anche della crisi russo-ucraina.





L’elettricità dell’1,7%: un aggravio di 21 euro a famiglia. Tuttavia l’Autorità ha precisato che per tutto il 2014 il risparmio per la bolletta del gas sarà di 84 euro.

Per quanto riguarda l’elettricità, si registra un rincaro trimestrale pari a circa due euro, principalmente a causa del recupero degli scostamenti rispetto alle stime del costo di approvvigionamenti della materia prima e della necessità di finanziare alcuni oneri di sistema.



«Rappresenta una pessima notizia per le famiglie italiane e potrebbe avere conseguenze negative nei prossimi mesi, deprimendo ulteriormente i consumi». Lo afferma il Codacons, commentando i rincari decisi dall’Autorità. «In un contesto delicatissimo come quello che sta vivendo l’Italia, con le spese delle famiglie in caduta libera e il potere d’acquisto in costante riduzione, un incremento delle bollette di servizi essenziali come l’energia rappresenta una maledizione, soprattutto per quei nuclei numerosi e a basso reddito - spiega il presidente Carlo Rienzi - Ma a mantenere elevate le bollette del gas degli italiani sono soprattutto le imposte, che incidono mediamente per il 35% sul prezzo finale pagato dai consumatori, contro una media europea del 20%. In tal senso chiediamo al Governo di ridurre al più presto il peso fiscale sulle forniture energetiche degli italiani, allineando le imposte alla media Ue».



E sempre ieri c’è chi ha stoppato gli eventuali aumenti delle tariffe autostradali. Lo ha fatto Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, ricordando che dall’ultimo aumento tariffario per le autostrade si sta «lavorando nel dialogo con le istituzioni e concessionarie. Il tutto per un unico interesse: non le lobby delle società di autostrade ma l’interesse dei cittadini».



I COMMENTI SU LEGGO FACEBOOK










Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Settembre 2014, 09:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA