Auto, addio al Pra e al certificato di proprietà:
"Risparmio di 190 milioni dati all'Aci ogni anno"

Auto, addio al Pra e al certificato di proprietà: "Risparmio di 190 milioni dati all'Aci ogni anno"
Addio al Pra, il Pubblico registro automobilistico, e dal 5 ottobre il Certificato di proprietà dell'auto non sarà più di carta. Dal 5 ottobre, infatti, diventerà digitale, si trasformerà in un codice, una password, che connettendosi online darà accesso alle informazioni prima presenti nel libretto.







DA GENNAIO NIENTE PIÙ CERTIFICATO DI PROPRIETÀ «Entro fine anno arriverà il decreto» in attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione, «che cancellerà il Pubblico registro automobilistico (Pra). E da gennaio il certificato di proprietà non avrà più valore giuridico». Così il sottosegretario alla P.A, Angelo Rughetti, parlando del libretto unico ai microfoni della trasmissione Zapping su Radio1. «Cancelliamo - evidenzia - un servizio per cui gli italiani pagavano all'Aci 190 milioni di euro l'anno». Dal 2016, sottolinea, tutte le pratiche «saranno semplificate».



DAL 5 OTTOBRE IL CERTIFICATO DI PROPRIETÀ DELL'AUTO SARÀ DIGITALE Addio al certificato di proprietà di autoveicoli nella sua versione cartacea, dal 5 ottobre sarà infatti digitale, si trasformerà in un codice, una password che connettendosi online darà accesso alle informazioni prima presenti nel libretto. È quanto si apprende da fonti a lavoro sull'operazione. La novità anticipa il dlgs di attuazione della riforma Madia, che porterà a documento unico con i dati sia di proprietà che di circolazione.



Il processo di dematerializzazione proseguirà, andando prima a toccare tutti i documenti legati alle pratiche di proprietà (atti di vendita e passaggi) per concludersi con la digitalizzazione di tutto l'iter.



Insomma ad opera completata, nei prossimi mesi, le procedure relative alla proprietà saranno tutte digitalizzate.



Ovviamente si parte dai nuovi veicoli e da quelli che passano di mano.
Ma del tema se ne parlerà ancora, visto che nel primo pacchetto di decreti attuativi della riforma della P.A. dovrebbe rientrare anche il libretto unico, che rimpiazzerà quello rilasciato dal Pra (Pubblico registro automobilistico, gestito dall'Aci) e quello di competenza della Motorizzazione (che risponde al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre 2015, 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA