Variante Delta preoccupa Sidney, lockdown di due settimane. Il Governo: «Restate a casa»

Variante Delta preoccupa Sidney, lockdown di due settimane. Il Governo: «Restate a casa»

Lockdown di due settimane da oggi a Sydney per la diffusione della variante Delta del coronavirus. Il governo del Nuovo Galles ha annunciato alla popolazione di restare a casa - salvo le eccezioni previste per andare a lavorare, fare la spesa e per ragioni mediche - nell'area metropolitana di Sydney e nelle vicine zone di Blue Mountains, Central Coast e Wollongong, che saranno in lockdown fino al prossimo 9 luglio. Nelle ultime 24 ore, nello stato del Nuovo Galles sono stati registrati 29 nuovi casi di covid. Grazie anche alla chiusura dei confini, l'Australia è riuscita ad arginare la diffusione del coronavirus nel Paese, dove dall'inizio della pandemia sono stati registrati circa 30.400 casi e 900 vittime.

Variante Delta in Italia al 16,8%. Cts: «Per fermare i focolai zone rosse localizzate»

Tunisia, lockdown in 4 governatorati

Continua a preoccupare la situazione sanitaria anche in Tunisia, dove pure il premier Hichem Mechichi - nonostante abbia ricevuto due dosi di vaccino anti Covid- è risultato positivo ad uno test di routine. Mechichi, ha annunciato la presidenza, lavorerà da casa. Secondo il settimanale Leaders, tra l'altro, il premier aveva in programma una visita in Italia ai primi di luglio. Secondo i dati forniti dal ministero della Sanità, il 24 giugno sono stati 3.467 i nuovi casi confermati su 9.898 test effettuati e 83 i decessi, con un tasso di positività del 35,03%. Tassi di contagio particolarmente alti in alcune regioni, che hanno costretto il governo domenica scorsa a decretare il lockdown generale in quattro governatorati del Paese (Kairouan, Siliana, Zaghouan e Beja) e ieri ad annunciare nuove misure restrittive valide sino all'11 luglio e modulate a seconda del numero di contagi per 100 mila abitanti. La linea dell'esecutivo è quella di decretare misure di chiusura progressiva ove si superino i 200/300/400 casi per ogni 100.000 abitanti. La Tunisia ha registrato dall'inizio della pandemia 398.829 infezioni e 14.489 decessi. Ad allarmare le autorità, oltre alla scoperta di alcuni casi di variante Delta e di una brasiliana, il numero dei ricoveri perché ospedali pubblici e cliniche private sono vicini al limite delle loro capacità. La campagna di vaccinazione nazionale, cominciata il 13 marzo scorso, procede piuttosto a rilento: finora hanno ricevuto almeno una dose di vaccino 1.685.739 persone e 461.754 anche la seconda, su circa 12 milioni di abitanti.

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Giugno 2021, 08:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA