Variante Delta dilaga nel mondo. Inghilterra, Tenerife, Israele: ecco dove si sta diffondendo

Video

La variante Delta sta cominciando a diventare dominante nel mondo: sono 85 i Paesi che ne hanno segnalato la presenza. L'Oms non nasconde la preoccupazione per la diffusione del nuovo ceppo molto più virale rispetto la variante Alpha: «La variante Delta è più trasmissibile rispetto alla variante Alpha e si prevede che diventerà un lignaggio dominante se le tendenze attuali continueranno». Secondo gli esperti, è prevista una continua evoluzione del Covid e e sarà necessario un rafforzamento della sorveglianza epidemiologica e genomica.

 

 

Paura a Tenerife

Preoccupa la diffusione del virus a Tenerife, una delle più turistiche delle Canarie: i contagi sono molto aumentati negli ultimi giorni e le autorità locali hanno sancito il passaggio dell'isola al livello di allerta 3 su 4. Infatti c'è un'incidenza cumulativa dei contagi negli ultimi 14 giorni superiore ai 170 casi, quasi il doppio di quella dell'arcipelago nel suo insieme. Da questo sabato saranno in vigore nuove restrizioni per cercare di frenare i contagi e rimarranno chiusi gli spazi interni di bar, ristoranti e locali, che dovranno chiudere entro le 23. Inoltre, non saranno permessi gruppi di più di quattro persone sia nei locali sia in spiaggia.

AstraZeneca: un morto da sindrome da perdita capillare. Nota dell'Aifa: cos'è e come riconoscerla

 

Risalita dei contagi in Inghilterra

Il Regno Unito ha registrato 16.135 nuovi casi di coronavirus, secondo l'ultimo aggiornamento del cruscotto del governo. Questo è il totale giornaliero più alto per casi registrati dal 6 febbraio (18.262), quattro mesi e mezzo fa. Il numero totale di casi nell'ultima settimana è aumentato del 43,9% rispetto al totale della settimana precedente. E ci sono stati altri 19 morti. Il numero totale di decessi nell'ultima settimana è aumentato del 53% rispetto al totale della settimana precedente. I vaccini hanno giocato un ruolo fondamentale per evitare nuovi decessi e ricoveri, secondo quanto dichiarato dal ministro  Nadhim Zahawi.

Variante Delta, in GB contagi record: oltre 16.000 in 24 ore. Merkel: quarantena per chi parte da lì

Israele: risalgono i contagi tra i più giovani non vaccinati

Dopo lo scoppio di due focolai in altrettante scuole in Israele, il paese ha registrato più di 100 nuovi contagi per il secondo giorno consecutivo, con un’incidenza particolarmente alta fra i giovani. Il governo di Tel Aviv ha scelto di rinviare al 1 agosto l'ingresso ai turisti. Sarà inoltre reintrodotto l’uso obbligatorio delle mascherine al chiuso e sarà migliorato il sistema di monitoraggio del virus. Anche chi è guarito dal covid o è stato vaccinato con doppia dose deve sottoporsi a un periodo di quarantena dopo essere entrato in contatto con una persona positiva. I giovani di 12-15 sono stati la fascia più colpita e ora si pensa a coprire questa categoria per scongiurare nuove diffusioni del virus.

Wuhan, prime tracce del virus furono «cancellate dai cinesi»: la scoperta del ricercatore Usa

 

Dove impatta di più?

La variante delta sembra essere destinata a diventare il ceppo più diffuso del virus e second recenti dati del Financial Times, con il 26% dei casi, l'Italia è al quinto posto nel mondo fra i Paesi in cui è maggiore la circolazione della variante Delta. Le stime indicano inoltre che la variante Delta è dominante in Gran Bretagna e Portogallo, dove la concentrazione è
rispettivamente del 98% e il 96%. Seguono gli Stati Uniti con il 31%, quindi Italia (26%), Belgio (16%), Germania (15%), Francia (6,9%).

Variante Delta dominante ad agosto in tutta Europa. Spunta la sottovariante "plus" (che sfugge ai vaccini)

I vaccini proteggono dalla variante delta?

C'è da aspettarsi un aumento dei contagi sicuramente ma è difficile che si possa concretizzare una quarta ondata, Pregliasco ha definito qualche giorno fa «un colpo di coda del virus» quello che potrebbe avvenire in autunno. Ad evitare una situazione sconfortante saranno proprio i vaccini di AstraZeneca e Pfizer che rimangono ampiamente efficaci contro le varianti Delta e la sottovariante Kappa. I ricercatori di Oxford hanno studiato la capacità degli anticorpi nel siero di alcune persone, vaccinate con due dosi di AstraZeneca e Pfizer, per capire quanto fossero in grado di neutralizzare le varianti. La neutralizzazione era paragonabile a quella osservata contro le varianti Alpha e Gamma.

Variante Delta, allarme delle Regioni: «Pochi vaccini e il virus sta crescendo»


Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Giugno 2021, 15:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA