Vaccino, viaggio e soggiorno: da Cuba a Dubai le offerte per le vacanze sanitarie
di Francesca Pierantozzi

Vaccino, viaggio e soggiorno: da Cuba a Dubai le offerte per le vacanze sanitarie

Il pacchetto più conveniente è quello dell'agenzia Gem Tour & Travels di Mumbai: 1700 euro tutto compreso, viaggio andata e ritorno per Londra, soggiorno in hotel, tre escursioni per scoprire «la città e la sua vita culturale» e due dosi di Pfizer. Dalla vacanza non si tornerà abbronzati, ma immuni si'. «Siamo stati noi i primi » hanno rivendicato con orgoglio i ragazzi dell'agenzia al quotidiano indiano «The Print»: la formula «all inclusive» col vaccino era pronta già a novembre. Il turismo vaccinale non è restato l'idea bislacca di qualche agenzia indiana (oltre alla Gem Tour, anche la Zenith Holiday propone pacchetti sanitari ai suoi clienti): dall'inizio dell'anno, con l'arrivo degli antidoti sui mercati e le liste d'attesa lunghe anche mesi, alcuni paesi sono diventati meta di vacanze sanitarie.
Mosca, con la sua piazza Rossa e il suo Sputnik V, Cuba, con le sue spiagge e il suo Soberana 2, Dubai, con il suo shopping e il cinese Sinopharm, oltre alla Florida, col suo sole e con, a scelta, Pfizer o Sinopharm: i prezzi sono da alta stagione. Alcuni governi sono dovuti intervenire, per arginare un fenomeno che rischia di compromettere le strategie vaccinali e provocare le rivolte dei vaccinandi locali.

Da lunedì dosi agli under 65 pronti 200 medici di famiglia

Vaccino Pfizer e AstraZeneca, oltre un milione di dosi consegnate all'Italia ​nella notte


DA LONDRA ALL'EMIRATO
L'Ufficio del Turismo di Dubai, per esempio, ha diffuso un comunicato per ricordare «che le voci di un turismo vaccinale sono infondate» e che «solo chi ha una carta da residente può farsi vaccinare». Cosa che non impedisce al super esclusivo club londinese Knightsbridge Circle di proporre ai suoi facoltosi membri «un soggiorno nell'Emirato, in villa e con doppia dose». Stuart McNeil, fondatore del Knightsbridge (22mila euro il costo dell'adesione annuale) si è mostrato molto orgoglioso dell'iniziativa e sponsorizza: «Si parte qualche settimana in una villa, al caldo. Il soggiorno dura il tempo necessario per le due dosi, e si riparte con il certificato di vaccinazione». Il pacchetto è all'altezza dei servizi proposti: 45 mila euro per un viaggio in business (opzione in jet privato possibile), affitto di una villa, due dosi di Pfizer o Sinopharm . Unica condizione: avere più di 65 anni. Cosa non difficile vista l'età media degli aderenti al club. Cuba in compenso ha lanciato una vera e propria campagna per promuovere le sue spiagge e i il suo vaccino.

 


LA PUBBLICITÀ
In uno spot trasmesso in tv il direttore dell'Istituto Finlay di Savana Vincente Vérez spiega che le autorità sanitarie prevedono di produrre 100milioni di dosi del Soberana 2 (uno dei quattro vaccini attualmente in fase di test avanzato a Cuba): un arsenale ampiamente sufficiente a coprire tutta la popolazione dell'isola (11,3 milioni di abitanti) e anche tutti i turisti che sceglieranno di rompere i lockdown ai Caraibi. Lo slogan in sovrimpressione non potrebbe essere più chiaro: «Spiaggia, Caraibi, Mojito e Vaccino». Meno esplicita la Florida, dove pure decine di migliaia di senior (soprattutto canadesi, brasiliani e argentini) hanno già fatto una puntata per approfittare del clima mite e dei vaccini riservati a tutti gli over 65, senza distinzioni di patologie o professioni.
Davanti all'affluenza di turisti sanitari, (50 mila in meno di due mesi) le autorità sono state costrette a modificare le condizioni di accesso all'iniezione, rendendo necessaria una residenza di almeno tre mesi in Florida. Meta per vaccinandi anche Mosca, che con il suo Sputnik V attira stranieri, anche se le frontiere chiuse rendono l'iniezione facile soprattutto per gli studenti e chi viaggia per lavoro. «Ho fatto la mia prima dose, ho avuto un po' di febbre e mal di testa ma ora sto bene ha detto alla tv France 24 Azeem, studente del Bangladesh iscritto alla Alta Scuola di Economia di Mosca Conosco molti altri studenti, vietnamiti, indonesiani, americani, e italiani che si sono fatti vaccinare».


LE RICHIESTE
Il turismo vaccinale comincia a scandalizzare. «Per lo stesso prezzo che pagano i ricchi inglesi potremmo vaccinare 2mila persone» ha commentato il microbiologo belga Emmanuel André. Ma in Canada, una società di Jet Privati a Toronto ha confermato al Wall Street Journal: «ogni giorno abbiamo richieste di clienti che vogliono un volo per la Florida andata e ritorno in giornata, solo per farsi l'iniezione».


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Febbraio 2021, 20:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA