Nucleare, Ucraina vende energia alla Germania: «Così non sarete più dipendenti dal gas di Putin»

In Ucraina oltre il 50% dell'elettricità ucraina è generata da centrali nucleari

Ucraina vende nucleare alla Germania: «Non sarete più dipendenti da Putin»

di Alessandro Rosi

L'Ucraina aiuta la Germania. Nella guerra del gas le parti si invertono. Kiev si è offerta di sostenere Berlino con energia nucleare (d'altra parte esporta già elettricità in Polonia e Moldavia). L'Ucraina gestisce centrali nucleari di concezione sovietica con una capacità totale di oltre 14 gigawatt. C'è però un problema: sei unità della più grande centrale nucleare europea di Enerhodar, vicino a Zaporizhzhya, sono sotto il controllo russo da marzo. Con l'invasione russa di quattro mesi fa, anche il consumo di elettricità è diminuito massicciamente a causa dei combattimenti, della fuga dei rifugiati e del crollo economico.

Tetto al prezzo della benzina, dove è stato già fatto? Croazia e Slovenia bloccano gli aumenti. In Italia costo medio inferiore a Francia, Spagna e Uk

La scelta dell'Ucraina rispetto alla decarbonizzazione

In Ucraina oltre il 50% dell'elettricità ucraina è generata da centrali nucleari. «Nell'ambito della decarbonizzazione, Kiev si sta muovendo in una logica diversa rispetto alla Germania», scrive il ministro ucraino dell'Energia Herman Halushchenko in un articolo per "Wirtschaftswoche". E ciò significa che l'Ucraina, che dal 16 marzo ha sincronizzato la sua rete energetica con l'Associazione dei gestori di sistemi di trasmissione europei, può diventare un fornitore esterno di elettricità per la Germania. In questo modo si creerebbe «una sorta di cuscinetto assicurativo nei periodi in cui la produzione di energia solare ed eolica diminuisce a causa delle condizioni meteorologiche».

Draghi: «Putin ha già tagliato le forniture di gas, Ue in difficoltà. No price cap per paura»

 

Bollette rischiano di triplicare in Germania

Le bollette del gas potrebbero aumentare di due o anche tre volte in Germania. L'allarme è lanciato dal funzionario tedesco dell'energia Klaus Müller, capo della Federal Network Agency. Non rassicurano neanche le parole del ministro dell'Economia tedesco, che ha affermato di temere che la Russia chiuderà definitivamente il più importante gasdotto del suo paese entro poche settimane. «Dovrei mentire se dicessi che non lo temo», ha affermato in un'intervista con l'emittente tedesca ZDF Thursday, Robert Habeck. Il Nord Stream 1 è il principale gasdotto che trasporta gas naturale dalla Russia alla Germania. La Germania è il principale importatore mondiale di gas russo, di cui ha bisogno per il 35% della sua fornitura , ma tale fornitura è stata minacciata da quando la Russia ha invaso l'Ucraina a febbraio. C'è poi inoltre da notare come il Nord Stream 1 dovrebbe chiudere l' 11 luglio per 10 giorni di manutenzione programmata. Non una situazione ideale per Berlino.


Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Giugno 2022, 11:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA