Ucraina, Oms: oltre 70 raid contro ospedali, ambulanze e medici. «Attacchi violano la Convenzione di Ginevra»

Oms: oltre 70 raid contro ospedali, ambulanze e medici. «Attacchi violano la Convenzione di Ginevra»

di Francesco Padoa

Guerra senza limiti e contro ogni convenzione internazionale. In Ucraina ci sono stati più di 70 attacchi contro ospedali, ambulanze e medici e il numero di questi episodi aumenta di giorno in giorno. Dal 24 febbraio, l'Oms ha esaminato e verificato attacchi contro strutture sanitarie che hanno causato almeno 71 morti e 37 feriti, ma ha registrato anche casi di «probabile» sequestro o detenzione di personale sanitario e pazienti. «Siamo preoccupati che crimini possono aumentare ancora», ha detto alla Bbc il rappresentante Oms per l'Ucraina Jarno Habicht. «Le strutture sanitarie dovrebbero essere luoghi sicuri sia per i medici che per gli infermieri, ma anche per i pazienti che devono rivolgersi a quei centri per le cure». Per l'Oms distruggere le strutture sanitarie equivale alla «distruzione della speranza e la negazione dei diritti umani fondamentali».  

Ucraina, la guerra può arrivare in Moldavia? Allarme traffico di esseri umani: bambini più a rischio

Malati in fuga tra le macerie

Prendere di mira le strutture sanitarie è diventato parte della strategia e della tattica della guerra. Video e foto pubblicati online dal vicesindaco di Kharkiv mostrano ingenti danni all'ospedale centrale appena ristrutturato di Izyum, a sud della città. Una nuova area di accoglienza costruita l'anno scorso è stata completamente distrutta. «Dopo il primo bombardamento, le finestre dell'ospedale sono esplose», ha detto il vicesindaco Volodymyr Matsokin. «Un secondo attacco ha distrutto le sale operatorie dell'ospedale», ha aggiunto. Secondo le autorità ucraine, il personale dell'ospedale stava curando bambini, donne incinte e tre neonati, oltre a soldati e civili feriti. Si stavano rifugiando nel seminterrato al momento dell'attacco e per questo nessuno è rimasto ucciso.  «Il governo aveva investito milioni per fornire buone strutture con attrezzature moderne - ha affermato Matsokin - I pazienti sono dovuti uscire senza aiuto attraverso le macerie per scappare ».

 

Crimini di guerra

Nel corso dell'ultimo mese, secondo la Associated Press (citata dal Guardian) le forze russe hanno ripetutamente attaccato ospedali, ambulanze, medici: solo gli inviati dell'agenzia di stampa hanno potuto documentare 34 attacchi di questo tipo, che potrebbero pesare su un eventuale processo alla Russia e ai suoi dirigenti per crimini di guerra. «Per ottenere una condanna - scrive la Ap - i procuratori dovranno dimostrare che gli attacchi non sono incidenti o danni collaterali. Ciò che sta emergendo, documentato giorno per giorno, è la prova di un regolare ed implacabile assalto contro un'infrastruttura civile che serve a salvare vite e proteggere i più vulnerabili in Ucraina. I giornalisti della Ap in Ucraina hanno visto di persona i risultati mortali degli attacchi russi a obiettivi civili: i momenti finali di bambini i cui piccoli corpi sono stati dilaniati dalle schegge, o che hanno avuto gli arti strappati; decine di cadaveri tra cui quelli di bambini, ammucchiati nelle fosse comuni. Gli attacchi deliberati agli ospedali saranno una priorità per i procuratori che indagheranno sui crimini di guerra».

Il caso simbolo di Mariupol

Tra gli attacchi documentati c'è il bombardamento del 9 marzo sull'ospedale pediatrico e di maternità di Mariupol. Due giornalisti della Ap, l'ultimo media internazionale restato in città dopo che i russi l'avevano circondata, arrivarono all'ospedale minuti dopo l'esplosione. Hanno visto un cratere fumante profondo come due piani nel cortile interno, circondato dai resti bruciati e contorti di diverse macchine. La forza dell'esplosione aveva strappato la facciata degli edifici attorno, frantumando i vetri e distruggendo le stanze. I giornalisti dell'Ap fecero foto di superstiti scioccati che uscivano dall'ospedale. Una donna incinta su una barella si teneva la pancia, pantaloni macchiati di sangue, pallida in viso. Sarebbe morta più tardi dopo un parto cesareo d'emergenza in un altro ospedale. Anche il bambino non sopravvisse. La Ap, che lavora con l'organizzazione Frontline per documentare questi casi, spiega che le prove per potenziali accuse di crimini di guerra stanno «aumentando e sono orrende».

 

Le Convenzioni di Ginevra

Poiché la guerra in Ucraina è un conflitto armato internazionale tra due stati, si applicano le Convenzioni di Ginevra. Ampliate all'indomani della seconda guerra mondiale, le convenzioni stabiliscono i diritti fondamentali dei civili e del personale militare e stabiliscono la protezione dei feriti e dei malati. Furono ratificati da quella che allora era l'Unione Sovietica nel 1954. Ai sensi dell'articolo 18 delle Convenzioni, gli ospedali civili "non possono in alcun caso essere oggetto di attacchi, ma devono essere sempre rispettati e protetti". Una violazione di tale norma può essere indagata dalla Corte penale internazionale dell'Aia e, se ritenuto un crimine di guerra, i singoli colpevoli possono essere perseguiti e puniti.

Le scappatoie

Ci sono però esenzioni alle Convenzioni. La protezione dagli attacchi non è più garantita se la struttura medica è collocata vicino a un legittimo obiettivo militare o si ritiene che stia commettendo un «atto dannoso per il nemico ». Secondo il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), ciò potrebbe includere l'uso di un ospedale come scudo per combattenti sani o l'allestimento di un'unità medica in una posizione che impedisca un attacco nemico. Se per esempio ci sono soldati fuori dall'ospedale o l'ospedale è semplicemente vicino a una stazione ferroviaria, può essere attaccato. Oppure potrebbe essere che un soldato ferito abbia un cellulare e stia chiamando altre truppe dicendo loro che ci sono nemici da attaccare nelle vicinanze. Tutte queste scappatoie rendono possibile affermare che l'attacco sia legittimo. Il CICR afferma che, in teoria, prima di prendere di mira un ospedale chi attacca dovrebbe sempre dare un avvertimento, con un limite di tempo.

I precedenti

Le esenzioni alle Convenzioni di Ginevra sono state utilizzate per giustificare attacchi a ospedali e unità mediche nei conflitti del secondo dopoguerra dalla Corea e dal Vietnam in poi. La tendenza sembra però accelerare rapidamente, guidata in parte dall'uso di missili balistici, droni e altre munizioni a lungo raggio. Il gruppo di difesa degli Stati Uniti Physicians for Human Rights afferma che le forze russe o locali sono state collegate ad almeno 244 attacchi separati alle strutture sanitarie in Siria dal 2011.

L'organizzazione benefica Medici Senza Frontiere ha persino deciso di interrompere la condivisione delle coordinate Gps di alcune cliniche che gestiva con il governo siriano o i suoi alleati russi, preoccupata dal fatto che avrebbero avrebbero avuto maggiore probabilità di diventare obiettivi. Funzionari russi hanno negato di aver attaccato deliberatamente gli ospedali in Siria e hanno suggerito che i "jihadisti" nel paese si rifugiassero regolarmente in edifici civili protetti.

L'emergenza

 

«Non abbiamo mai visto a livello globale questo tasso di attacchi all'assistenza sanitaria - ha dichiarato il direttore delle emergenze dell'Oms Michael Ryan - Questa crisi sta raggiungendo un punto in cui il sistema sanitario in Ucraina è sull'orlo del baratro. Deve essere supportato... ma come puoi farlo se la stessa infrastruttura che persone andranno a supportare sotto attacco diretto?». L'impatto di un mese di conflitto sul sistema sanitario dell'Ucraina è stato «devastante». L'ufficio europeo dell'Organizzazione Mondiale della Salute, dopo oltre un mese dall'invasione da della Russia, denuncia come sia diventato sempre più difficile garantire assistenza sanitaria alla popolazione ucraina. «Le strutture sanitarie distrutte e l'interruzione delle catene per le forniture mediche rappresentano una grave minaccia per milioni di persone». Le terapie per la cura delle malattie sufficienti «sono quasi completamente sospese». Oltre 1.000 centri sanitari si trovano vicini alle linee di conflitto o in aree sotto il controllo russo. Tra gli ospedali rimasti in piedi, alcuni sono stati riadattati per la cura dei feriti di guerra: un cambiamento necessario ma che, fa notare l'Oms, «va a scapito dell'assistenza sanitaria di base». Secondo le informazioni a disposizione dell'Oms, circa la metà delle farmacie in tutto il Paese potrebbe già essere chiuse.


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Marzo 2022, 15:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA