Putin avverte la Nato (e l'Italia): «Allertate difese nucleari». Cosa vuol dire e qual è l'arsenale della Russia

Mosca avrebbe un arsenale atomico di 6.255 armi, di cui 1.625 nelle unità operative, quindi pronte per l'uso

Putin e l'avvertimento a Nato (e Italia): «Allertate difese nucleari». Cosa vuol dire e qual è l'arsenale della Russia

Dopo le nuove sanzioni imposte dall'Europa, Putin ha deciso di mettere sul tavolo delle minacce la parola temuta da tutti: il nucleare. «I Paesi occidentali non stanno soltanto imponendoci sanzioni ostili, ma leader di grandi Paesi della Nato stanno facendo affermazioni aggressive nei confronti della Russia. Per questo ordino di mettere in allerta il sistema di deterrenza», ha detto il leder del Cremlino. Una dimostrazione che «il leader russo sta aggravando il conflitto in modo inaccettabile, ha risposto l'ambasciatore delle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield.

Corea del Nord: missile balistico verso il Mar del Giappone. La condanna di Seul

Ucraina, l'ex ambasciatore Gb in Usa: «Putin sembra uno squilibrato, finirà male»

Putin: le minacce dalla Nato

Non è chiaro a cosa porterà la minaccia di Putin alla Nato (e dunque anche all'Italia) e se resterà tale oppure no. Per accedere al sistema di difesa nucleare, il leader di Mosca deve attivare alcuni protocolli, che possono portare all'uso delle armi in questione. Ciò che è certo, è che Putin ha già minacciato che in caso di interferenze con la guerra ci saranno «conseguenze mai viste prima». Inoltre ha posizionato missili antiaerei e altri sistemi missilistici avanzati in Bielorussia e ha schierato la sua flotta nel Mar Nero nel tentativo di prevenire un intervento occidentale in Ucraina

 

L'arsenale atomico della Russia

La Russia aderisce al Trattato di non Proliferazione Nucleare (Tpn), sancito nel 1970, con il quale i Paesi hanno iniziato a coordinare il loro impegno per ridurre i loro arsenali nucleari dopo la Guerra Fredda. Nel 2010 Usa e Russia hanno firmato un ulteriore accordo sulle armi atomiche chiamato “New Start”, che stabilisce il limite agli armamenti che si possono detenere. Accordo che vale solo per testate e bombe atomiche, non per i missili.  

 

Secondo l’International Peace Research Institute (Sipri) di Stoccolma, Stati Uniti e Russia detengono il 90% delle forze nucleari globali. Secondo il Sipri (Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma), la Russia ha un arsenale atomico di 6.255 armi, di cui 1.625 nelle unità operative, quindi pronte per l'uso. Tra le armi con capacità nucleari della Russia ci sono i due missili da crociera ipersonici "Kinzhal” e “Zirkon” .

Forze strategiche di deterrenza

Le Forze strategiche di deterrenza, che oggi il Presidente Vladimir Putin ha dato ordine di mettere in stato di massima allerta, sono le forze su cui si basa la capacità dell Russia di esercitare deterrenza per una aggressione, ma anche per sconfiggere un aggressore. Includono sistemi di tipo diverso, fra cui le armi nucleari.

Le Forze di deterrenza si suddividono quindi in Forze strategiche difensive e offensive. Le Forze nucleari strategiche (Icbm, bombardieri e missili di precisione a lunga gittata) costituiscono la base delle Forze strategiche offensive in cui rientrano anche le Forze missilistiche strategiche. Le Forze però includono anche sistemi non nucleari o duali, fra cui bombardieri, sottomarini, unità navi, navi armate con missili da crociera. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 1 Marzo 2022, 09:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA