Parigi, evacuata la Defense e chiuse le stazioni metro: caccia a un uomo armato. Ma era un falso allarme

Parigi, evacuata la Defense e chiuse le stazioni metro: caccia a un uomo armato. Ma era un falso allarme

Massima allerta e paura a Parigi. Un uomo armato è stato avvistato nella zona della Defense, il quartiere degli affari di Parigi. La polizia ha transennato l'intera zona, le metropolitana sono state chiuse. Si trattava di un falso allarme. Ma sono state ore di paura nel centro della capitale. A tutte le persone che si trovavano nei vari negozi è stato dato l'ordine di rimanere chiuse all'interno in attesa che la polizia verifichi l'esistenza di un reale pericolo. 
Transenne alla Defense, le stazioni della metropolitana sono state chiuse. Sui social media le forze dell'ordine hanno consigliato a tutti gli abitanti del quartiere di rimanere in casa e di non lasciare i bambini incustoditi.

Glasgow, due morti accoltellati in un hotel. Assalitore ucciso, un poliziotto tra i sei feriti

 
La prefettura ha detto all'emittente Bfmtv che l'operazione si è conclusa, dopo le necessarie verifiche, senza alcuna preoccupazione da parte delle autorità. Le immagini di videosorveglianza mostravano un uomo con uno zaino in spalla che lasciavano presumere potesse trattarsi di un'arma, circostanza che evidentemente non è stata confermata. A segnalare la presenza di un uomo armato questa mattina nel centro commerciale '4 temps' era stata una telefonata alla polizia, mentre alcuni testimoni avevano raccontato di aver visto una persona che urlava Allah Akbar, gettando una bottiglia di vetro per terra e creando il panico.


 





Parigi, funzionario fa strage in questura, poi viene ucciso: quattro morti. Si era convertito all'Islam. Fermata pure la moglie

Paura a Parigi, accoltella i passanti urlando “Allah Akbar”, poi ucciso: morta una donna, 4 feriti. L'Isis rivendica

Terrorismo, ultimo giorno in Francia dello stato di emergenza. Da domani il nuovo piano sicurezza


 
 

Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Giugno 2020, 14:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA