Navalny morto, l'amico e investigatore Christo Grozev: «Lo hanno avvelenato, avevano già cercato di ucciderlo»

Il capo giornalista investigativo di Bellingcat: "Collassato in carcere? Dov'è la prova visiva?"

L'amico e investigatore: «Lo hanno avvelenato, avevano già cercato di ucciderlo»

Navalny? «Sfortunatamente, (l'ipotesi) più probabile è che sia stato avvelenato una seconda volta»: lo ha detto alla Cnn, riferendosi ad Alexei Navalny, il reporter bulgaro Christo Grozev, capo giornalista investigativo di Bellingcat e amico del dissidente russo morto ieri nella colonia penale della regione artica russa dove era detenuto.

Navalny morto in prigione: era il più grande nemico di Putin. Biden accusa il capo del Cremlino

«Non abbaiamo ancora le prove - ha spiegato Grozev, che investigò l'avvelenamento di Navalny quattro anni fa -, abbiamo prove circostanziali in quella direzione, una delle quali è: se fosse vero che, come ha dichiarato il governo (russo), è collassato a terra a causa di un coagulo (sanguigno) durante la sua passeggiata nel cortile del carcere, dov'è la prova? Dov'è la prova visiva? Tutte le carceri in Russia sono munite di telecamere di sorveglianza e finora non abbiamo visto niente».

«Ripeto, questo è solo circostanziale ma a questo punto tutto fa pensare che sia stato ucciso di proposito - ha sottolineato il giornalista, che secondo la Tass è nella lista dei ricercati del ministero dell'interno russo -.

Sono sicuro che scopriremo cosa gli è successo. L'onere della prova che è morto da solo è ora nelle mani del Cremlino perché quattro anni fa abbiamo dimostrato che hanno cercato di ucciderlo con armi chimiche».


Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Febbraio 2024, 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA