Il deputato britannico David Amess ucciso a coltellate in chiesa: indaga l'antiterrorismo

David Amess, ucciso a coltellate in chiesa il deputato britannico. Arrestato l'aggressore somalo, indaga l'antiterrorismo

Al momento dell'aggressione il deputato Tory era in riunione con i suoi elettori in una chiesa a sud del Paese

Ucciso a coltellate in una chiesa dell'Essex il deputato britannico David Amess. La Gran Bretagna è sotto choc per l'aggressione al deputato Tory del governo Johnson, avvenuta durante una riunione con i propri elettori in una chiesa a sud del Paese ad opera di un aggressore britannico «di origini somale». Lo sostiene il quotidiano conservatore britannico Daily Telegraph. L'uomo è stato arrestato.

La notizia della morte di Amess è stata data dalla polizia dell'Essex. Le forze dell'ordine hanno anche precisato che non viene ricercato nessun altro individuo in connessione con l'omicidio. Secondo Sky News, un'eliambulanza era in attesa fuori dall'edificio dove si trovava il deputato ferito. I paramedici hanno tentato a lungo di stabilizzarne le condizioni e poi di rianimarlo, ma senza successo.

 

Indaga l'antiterrorismo

Le indagini sono state affidate all'antiterrorismo. Lo ha reso noto il comandante delle polizia locale, Ben-Julian Harrington, in un briefing nel quale ha confermato la ricostruzione dell'attacco e l'arresto del presunto aggressore, un giovane uomo di 25 anni. Ma ha mantenuto il riserbo sull'identità del sospetto, che «resta in custodia», ed è rimasto abbottonato su qualunque possibile movente.

 

Deputato David Amess accoltellato in chiesa

David Amess, deputato di 69 anni della maggioranza Tory del governo britannico di Boris Johnson, è stato aggredito oggi da uno sconosciuto e accoltellato ripetutamente nell'Essex, a sud dell'Inghilterra. Secondo quanto riportano i media, Amess è stato attaccato all'interno di una chiesa metodista, durante una riunione con suoi elettori nel proprio collegio. 

 

 

L'aggressore del deputato britannico David Amess, secondo fonti ufficiose della polizia locale, è stato bloccato e arrestato nell'immediatezza dei fatti. Si tratta di un uomo. Per ora non ne è stata resa nota l'identità e non è chiaro se abbia il profilo di uno squilibrato o sia stato animato da qualche movente specifico. Le indagini sono in corso. 

Secondo quanto riporta il Guardian, la polizia antiterrorismo sta assistendo le indagini sull'accoltellamento, che continuano a essere guidate dalla polizia dell'Essex. Gli alti funzionari dell'antiterrorismo stanno monitorando da vicino la situazione e verrano aggiornati sui dettagli emergenti dell'attacco e del sospetto fino a quando non verrà identificato un movente non terroristico.David Amess divenne deputato per la prima volta nel 1983 ed era sposato con cinque figli. Durante la sua carriera politica, 38 anni in parlamento, non ha mai ricoperto un incarico ministeriale. Tra le sue battaglie politiche più importanti, quella a difesa dei diritti degli animali. Era stato un sostenitore della Brexit e ha votato per l'uscita dall'Ue al referendum del 2016.

 

 

 

 

Le reazioni all'accoltellamento

La notizia del suo accoltellamento ha suscitato immediate reazioni, con messaggi di allarme e di solidarietà nei confronti di sir David e della sua famiglia espressi da esponenti del governo di Boris Johnson, del gruppo Tory in parlamento e di altri partiti. Vicinanza nei suoi confronti è stata manifestata fra gli altri a stretto giro dall'ex premier conservatore David Cameron, come dalla vice leader dell'opposizione laburista Angela Rayner. Si tratta del terzo deputato britannico accoltellato negli ultimi 10 anni circa. 

 

 

«Notizie assolutamente devastanti quelle su Sir David Amess. Era estremamente gentile e buono. Un grande amante degli animali e un vero gentleman. Tutto ciò è davvero ingiusto. I pensieri vanno a sua moglie e ai suoi figli». È la reazione su Twitter di Carrie Johnson, la moglie del primo ministro britannico Boris Johnson, alla morte del deputato conservatore.

 

 

«Attaccare i nostri rappresentanti eletti significare attaccare la stessa democrazia. Non ci sono scuse, nessuna giustificazione». Ha affermato su Twitter Brendan Cox, vedovo di Jo Cox, deputata britannica laburista che venne accoltellata a morte vicino a Leeds nel 2016. 

 

 

Regno Unito punta sul green con 7 miliardi di investimenti e 56 mila posti di lavoro

 

I precedenti: l'attacco a Jo Cox

Nel 2016, in un attacco analogo compiuto da un estremista di destra, fu uccisa la deputata laburista Jo Cox. Fervente europeista, venne uccisa a 42 anni con diverse pugnalate per strada da un estremista di destra una settimana prima del referendum sulla Brexit. Il 23 novembre del 2017 è stato riconosciuto colpevole del suo omicidio Thomas Mair, 53 anni, che è stato condannato all'ergastolo. Dopo l'omicidio sono state rafforzate le misure di sicurezza dei politici britannici.

Il 4 maggio del 2010 un altro deputato laburista, Stephen Timms, è stato accoltellato due volte in una zona a est di Londra dalla studentessa britannica ed estremista islamica Roshonara Choudhry. La donna di 21 anni, radicalizzata online e vicina ad al-Qaeda, disse di aver agito per vendetta contro il sostegno mostrato da Timms alla guerra in Iraq. Choudhry ha colpito il deputato due volte allo stomaco prima che l'assistente di Timms riuscisse a trascinarla via. Il chirurgo che lo ha operato ha descritto le ferite riportate come «potenzialmente pericolose per la vita».

Nel 2000 il deputato liberaldemocratico Nigel Jones è stato pugnalato e il suo assistente, Andy Pennington, è stato assassinato mentre tentava di proteggerlo. L'aggressore, Robert Ashman, ha fatto irruzione brandendo una spada nel suo collegio elettorale. Ashman ha trascorso 8 anni in un ospedale. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Ottobre 2021, 10:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA