Tumore terminale ma l'ospedale: «Non ha nulla di cui preoccuparsi». La donna è morta a 37 anni

A Katie Pritchard avevano detto di avere problemi per il vaccino Covid, ma aveva già metastasi. Lascia marito e due figli

L'ospedale: «Non ha nulla di cui preoccuparsi», ma scopre di avere un cancro terminale e muore a 37 anni

di Marta Giusti

Le dicono che non c'è «niente di cui preoccuparsi», ma poi scopre di avere un cancro terminale e muore. Protagonista della terribile vicenda Katie Pritchard, 37 anni, mamma inglese: i medici le avevano inizialmente detto che i suoi sintomi potevano essere dovuti al «vaccino Covid-19», riferisce il South West News Service. In un primo momento, i dottoriavevano detto che il nodulo trovato non era preoccupante, e avevano addirittura suggerito che potesse avere un prolasso della vescica a causa dei due figli o addirittura un’infezione causata da trasmissione sessuale. «Quando sono andata dai medici per la prima volta con i miei sintomi, sapevo che qualcosa non andava», aveva raccontato Pritchard a SWNS a febbraio. «Ho dovuto insistere affinché l'infermiera mi esaminasse per la seconda volta durante il mio appuntamento e lei mi ha detto che non c'era nulla di cui preoccuparsi», aveva aggiunto. A Pritchard è stata poi diagnosticata la malattia nel gennaio 2022 dal suo ginecologo ed è morta il 17 giugno. Una storia di malasanità che arriva dalla Gran Bretagna.

Silvia Simoncini, addio alla 28enne di Giulianova: un anno fa si era sposata a Firenze

Marina Muscillo, la ballerina malata terminale e il viaggio in Salento. «Sposo me stessa con i piedi nell'acqua»

«Lo spazio che le è rimasto è insostituibile e il dolore di perdere la mia migliore amica e madre dei miei due ragazzi, a soli 37 anni, è indescrivibile», ha scritto il marito di Pritchard, Tom Cronin, 35 anni, in un post su una pagina GoFundMe che avevano creato per le sue cure. Dopo la diagnosi iniziale, Pritchard è stata costretta ad aspettare tre mesi per iniziare il trattamento per il tumore alle ovaie.

Nell'aprile 2022, dopo aver completato cinque settimane di faticosa e impegnativa radioterapia, chemioterapia e brachiterapia, le è stato detto che era stato un successo. Durante quel periodo era andata anche al matrimonio di un amico. Tuttavia, a dicembre è piombata nel dramma: il suo cancro si era diffuso ed era diventato terminale.

La sua famiglia ha persino finanziato in crowdfunding oltre 25.000 dollari per farle provare l'immunoterapia Pembro, perché era stato detto loro che poteva essere "la sua unica speranza", ma nulla da fare. A maggio la famiglia di Pritchard l'aveva portata in un hospice.

Durante la sua malattia, Pritchard ha cercato di rimanere ottimista e si è persino sposata con il suo fidanzato di lunga data. I due si sono sposati a marzo, una giornata che Pritchard ha descritto come “perfetta”. Prima della sua morte, Pritchard ha esortato gli altri sull’importanza di vivere la vita al massimo. «Voglio dire alla gente quanto sia importante vivere la propria vita e vivere molte avventure. Spegni Netflix, esci e divertiti. Bisogna vivere per ora e non per il futuro».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Agosto 2023, 11:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA