Libia, Erdogan pronto ad aumentare il suo sostegno. Haftar sequestra un cargo con marinai

Libia, Erdogan pronto ad aumentare il suo sostegno. Haftar sequestra un cargo con marinai

Sale alle stelle la tensione in Libia: le forze di Khalifa Haftar hanno annunciato il sequestro di un cargo con a bordo diversi marinai turchi, mentre da Ankara il presidente Recep Tayyp Erdogan afferma di essere pronto a sostenere militarmente Tripoli in ogni modo. La Turchia «può elevare il proprio sostegno militare navale, aereo e terrestre al governo legittimo libico se richiesto», ha ribadito oggi il Sultano dopo la ratifica, ad Ankara e Tripoli, dell'accordo bilaterale sulla cooperazione militare.

Libia, «L'Italia sbaglia con Haftar». Telefonata Erdogan-Conte

Erdogan ha poi sottolineato che la politica turca «in Libia e Siria non cambierà», annunciando inoltre che entro il 2027 verranno schierati nel Mediterraneo sei sottomarini di nuova generazione. «Rimarremo al fianco dei nostri fratelli libici finché la pace e la sicurezza non verranno assicurate, come stiamo facendo in Siria», ha sottolineato dal canto suo il ministro della Difesa di Ankara. Erdogan è intervenuto dopo l'incidente avvenuto davanti alle coste dell'est libico, dove le forze navali di Haftar hanno sequestrato un cargo con equipaggio turco. «Nel corso di un pattugliamento delle acque territoriali libiche, al largo delle coste di Derna - si legge in un comunicato sulla pagina Facebook del portavoce di Haftar, al Mismari - la Brigata navale Sussa ha sequestrato un mercantile battente bandiera di Grenada e comandato da un'equipaggio turco».

Migranti, Papa Francesco: «Bloccare barche non risolve il problema, svuotare i lager libici»

La nota è a corredo di un video che mostra le fasi salienti dell'operazione. «Il cargo è stato rimorchiato al porto di Ras Lanuf per controllo e perquisizione del carico e per adottare le misure necessarie», si prosegue. A bordo, secondo quanto si è appreso, ci sarebbero almeno tre marinai turchi. Le forze navali di Haftar hanno quindi annunciano lo stato di allerta massima in previsione del probabile «invio di armi e soldati dalla Turchia in forza dell'accordo con il governo» di Tripoli, bollato come l'intesa «della vergogna».

La nuova vita in Italia di due migranti libiche lesbiche, ora sono sposate e vivono a Milano

«Abbiamo le forze necessarie per respingere qualsiasi violazione turca delle acque libiche», ha avvertito il generale Mahdawi. I ribelli dell'est hanno intensificato nelle ultime 24 ore i raid aerei su Tripoli e altre città libiche, mentre giovedì scorso sono stati dieci, secondo alcune fonti, i raid contro Misurata. E alla mezzanotte scade l'ultimatum di Haftar proprio alle forze militari di Misurata, a cui è stato intimato di lasciare Tripoli e Sirte o sarà un diluvio di fuoco.

Nave Gregoretti, Di Maio: «Da M5S sì a procedere contro Salvini». Lega: parole da piccolo uomo

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Dicembre 2019, 00:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA