Guardia Costiera libica spara contro tre pescherecci italiani. Ferito il comandante dell'Aliseo

Video

Giuseppe Giacalone, il comandante di un peschereccio della flotta di Mazara del Vallo, è rimasto ferito dopo che una motovedetta della Guardia Costiera libica ha sparato contro l'imbarcazione alcuni colpi di arma da fuoco. «Colpi di avvertimento in aria per fermare imbarcazioni che avevano sconfinato nelle nostre acque territoriali», dice il commodoro Masoud Ibrahim Abdelsamad, portavoce della Marina libica. 

Un nuovo capitolo della cosiddetta "guerra del pesce", in corso da anni nel Mediterraneo. Secondo l'Adnkronos, il Comandante del peschereccio 'Aliseo', Giuseppe Giacalone, si sarebbe ferito a un braccio e alla testa «dopo essersi spostato velocemente sull'imbarcazione» e «non perché raggiunto dai proiettili della Guardia costiera libica». L'Aliseo è adesso in navigazione verso Mazara del Vallo dove arriverà domani. La Marina militare italiana, intervenuta con la fregata «Libeccio» in soccorso dei tre pescherecci mitragliati, dice che le imbarcazioni italiane si trovavano «nella Zona di protezione di pesca libica» a 35 miglia a nord della costa di Al Khums,. Un tratto di mare definito «ad alto rischio» dalle nostre autorità. Lo conferma l'assalto dell'unità militare libica, che non ha esitato ad aprire il fuoco. Come era già avvenuto qualche giorno fa, quando le motovedette avevano sparato contro il Michele Giacalone, un altro peschereccio mazarese. Questa volta è toccato all'Aliseo, all'Artemide» e al Nuovo Cosimo.

 

«Migranti picchiati in mare dalla guardia costiera libica»: la video-denuncia di Sea Watch

Marò, un milione all'India per chiudere il caso: la procura di Roma vuole fare chiarezza

 

 

A dare l'allarme via radio sono stati gli stessi marinai dei tre motopesca. Il figlio del comandante Giuseppe Giacalone, Alessandro, che è anche l'armatore, ha appreso che il padre era ferito ma senza sapere inizialmente quali fossero le sue condizioni. Solo dopo una telefonata satellitare con il fratello Giacomo, anche lui imbarcato ma su un altro peschereccio della società, l' «Anna Madre», ha potuto tirare un sospiro di sollievo: «Papà sta bene, è solo ferito lievemente a un braccio ed alla testa da alcune schegge del vetro della cabina andato in frantumi. L'Aliseo è stato liberato dai libici e sta facendo rientro a Mazara».

A bordo del peschereccio, con sette uomini d'equipaggio, anche i militari italiani che hanno medicato il comandante. «Sono soddisfatto dell'operato del Governo, perché subito si è arrivati a una soluzione, evitando il peggio», ha commentato Alessandro Giacalone, rimasto in contatto tutto il pomeriggio con la Farnesina, la Capitaneria di porto di Mazara del Vallo e il fratello Giacomo. Che la situazione in quel tratto di mare fosse «ad alto rischio» le nostre autorità lo avevano già comunicato il 28 aprile scorso, quando otto pescherecci italiani si erano spostati a circa 35-40 miglia dalle coste di Bengasi malgrado gli «sconsigli» del governo.

Fonti della Farnesina lo ribadiscono: «L'incidente odierno conferma nondimeno la pericolosità della zona prospiciente le coste della Libia dove non si può pescare». La zona è stata del resto definita «ad alto rischio» per tutte le imbarcazioni già nel maggio 2019 dal Comitato Interministeriale per la Sicurezza dei Trasporti. 

Un avviso inascoltato, visto che lunedì scorso era già dovuta intervenire in soccorso la fregata «Alpino» della Marina Militare dopo che un gommone proveniente dalla Cirenaica si stava dirigendo a grande velocità in direzione delle imbarcazioni. E in attesa del ritorno a casa dell' «Aliseo», previsto per domani sera, a Mazara del Vallo l'ultimo episodio rinfocola le polemiche dei mesi scorsi quando l'1 settembre due pescherecci vennero sequestrati con l'equipaggio per ben 108 giorni dalle forze del generale Khalifa Haftar. Ci volle un blitz diplomatico a Bengasi dell'allora premier Giuseppe Conte con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio per sbloccare la situazione. Torna dunque a creare tensione l'annosa questione della Zona di pesca nazionale unilateralmente dichiarata dalla Libia a 62 miglia dalle proprie coste, in quelle che - secondo il diritto del mare - sono acque internazionali. «O si trova una soluzione o i nostri pescatori saranno sempre più in pericolo» dice il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci. «Per la seconda volta in una settimana - spiega - sono stati indirizzati colpi di arma da fuoco contro i nostri pescherecci. Questa situazione è oramai insostenibile, bisogna assumere delle decisioni».

 

«Migranti picchiati in mare dalla guardia costiera libica»: la video-denuncia di Sea Watch

Marò, un milione all'India per chiudere il caso: la procura di Roma vuole fare chiarezza

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 8 Maggio 2021, 09:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA