Germania, +30mila contagi in 24 ore: «Terapie intensive sono al collasso» Sì al vaccino J&J: «Ma con cautela»

Germania, +30mila contagi in 24 ore: «Terapie intensive al collasso». Sì al vaccino J&J «ma con cautela»

Tornano ad aumentare i contagi e i morti in Germania. E il balzo in avanti dei contagi fatto registrare nelle ultime 24 ore è il più elevato da inizio gennaio: 29.426 unità. Il bilancio delle vittime è di 294 in 24 ore (79.381 in totale) mentre il numero di nuove infezioni ogni 100.000 residenti in sette giorni è salito a 160,1 secondo i dati del Robert Koch Institute.

 

Coprifuoco via e sì agli spostamenti a maggio: domani la road map

Palestre, piscine, bar e ristoranti quando riaprono? Ipotesi coprifuoco alle 23.30. A giugno si torna allo stadio

 

 

Sì al vaccino J&J: «Usare con le dovute cautele»

 

«Il fatto che l'Impiego di Johnson&Johnson sia collegato ad alcuni casi di trombosi non significa che non si possa utilizzare, ma che sarà somministrato con le cautele dovute». Lo ha detto il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, in conferenza stampa a Berlino, mostrandosi nuovamente ottimista sul fatto che «avremo tutti i vaccini per l'estate».

 

 

«Situazione terapie intensive drammatica»

 

«La situazione nelle terapie intensive è drammatica». Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, a Berlino in conferenza stampa. Le condizioni di lavoro diventano ogni giorno «più critiche», ha spiegato il ministro della Salute Jens Spahn. Secondo Wieler, bisogna ricorrere anche al «trasferimento dei pazienti, fra le regioni» per usare al meglio le risorse e le attrezzature a disposizione.

 

Verso un nuovo lockdown


«I numeri sono troppo alti, e salgono ancora. In terapia intensiva aumentano quotidianamente». Lo ha detto Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn a Berlino in conferenza stampa. «Non si può aspettare fino alla settimana prossima quando si approverà la legge sul freno di emergenza. Il tempo stringe e non possiamo aspettare. Servono nuove misure restrittive», ha aggiunto. Il presidente del Robert Koch Institut ha affermato che «bisogna ridurre ulteriormente i contatti subito» .

 

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Aprile 2021, 07:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA