Hunter Biden, Russia accusa figlio del presidente Usa: «Coinvolto in gestione laboratori per sviluppo armi chimiche»

Hunter Biden finisce nel mirino del Cremlino

Hunter Biden, la Russia accusa il figlio del presidente Usa: «C'è lui dietro le bio-armi di Kiev»

Mosca alza il tiro della sua offensiva mediatica contro gli Usa accusando il figlio del presidente Joe Biden, Hunter, di finanziare laboratori del Pentagono per lo sviluppo di armi biologiche in Ucraina (in particolare antrace), insieme al miliardario dem George Soros. «Naturalmente chiederemo delle spiegazioni. E non solo noi. Come sapete la Cina ha già chiesto chiarimenti», ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov rispondendo ad una domanda durante il suo briefing quotidiano.

Snake Island, liberati i soldati eroi dell'isola dei serpenti che avevano urlato «vaffa» alla nave russa

La Russia accusa il figlio di Biden

A lanciare le accuse contro Hunter Biden, già finito nella lista delle personalità americane colpite dalle contro sanzioni russe, è stato Igor Kirillov, capo del dipartimento dell'esercito per la difesa nucleare, chimica e biologica. Il dirigente russo sostiene che la società di investimento del figlio del leader americano, la Rosemont Seneca, dotata di almeno 2,4 miliardi di dollari di capitali di investimento, ha una «relazione stretta» con fornitori chiave dei «31 biolaboratori del Pentagono nel mondo» ed è implicata nel finanziamento del programma biologico di Kiev. A provarlo, ha spiegato, sarebbero documenti sequestrati dai soldati russi in Ucraina. Documenti alla base del diagramma diffuso dal ministero della Difesa di Mosca che ricostruisce la ragnatela dei presunti legami tra i laboratori ucraini e i finanziamenti americani. «La dimensione del programma è impressionante», ha dichiarato Kirillov, denunciando il coinvolgimento anche dell'Agenzia Usa per lo sviluppo internazionale (Usaid), della Open Society Foundation di Soros e dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), l'agenzia sanitaria americana.

 

Le accuse sono state diffuse tramite Sputnik, ritenuto dalle autorità americane - insieme a Russia Today - uno strumento del Cremlino per diffondere propaganda e disinformazione fuori della Russia. Lo stesso Sputnik ha riferito che dirigenti Usa e media occidentali inizialmente hanno negato l'esistenza dei biolaboratori ma che poi un alto funzionario dell'amministrazione americana ha confermato la loro presenza. La Casa Bianca invece ha sempre smentito notizie del genere accusando al contrario Mosca di usare queste falsità per operazioni sotto falsa bandiera allo scopo di usare armi chimiche o biologiche. Hunter Biden è considerato il tallone d'achille (e il nervo scoperto) del presidente Usa: una vita segnata per anni dall'abuso di droga e alcol, il figlio del leader americano è diventato un finanziere con interessi internazionali, finendo nel mirino (non solo di Donald Trump e dei repubblicani ma anche della magistratura) per vari affari in Ucraina e in Cina quando il padre era vicepresidente.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Marzo 2022, 22:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA