L’attore Dimitri Diatchenko trovato morto in casa: aveva 52 anni. Recitò in "Chernobyl"

Usa, l’attore Dimitri Diatchenko trovato morto in casa: aveva 52 anni. Recitò in Chernobyl Diaries

L’attore statunitense Dimitri Diatchenko, noto per il suo ruolo nel film horror «Chernobyl Diaries - La mutazione» (2012) del regista Bradley Parker, è stato trovato morto nella sua casa di Daytona Beach, in Florida. Aveva 52 anni. La famiglia non riusciva a contattarlo da alcuni giorni e così mercoledì scorso è stata chiamata la polizia, che ha scoperto il corpo senza vita dell’attore. 

Coronavirus, morto Jay Benedict, l'attore di Aliens e L'erba di Grace

Coronavirus, muore Eddie Large: popolare attore comico del Regno Unito
 
 


Secondo la polizia, come riferisce il sito Tmz, il decesso sarebbe avvenuto lunedì sera, 21 aprile, o al massimo martedì mattina presto. «Siamo tutti in uno stato di shock in questo momento», ha detto un portavoce della famiglia, citato anche da Fox News. Per ora la polizia esclude che Diatchenko sia vittima del coronavirus: l’attore era in buona salute e in forma fino a pochi giorni fa. Secondo il portavoce della famiglia, l’attore potrebbe essere stato vittima di una improvvisa crisi cardiaca o di una folgorazione mentre lavorava in giardino. Sarà comunque il medico legale a stabilire le cause del decesso con l’autopsia. 

Dimitri Diatchenko ha iniziato la carriera di attore alla fine degli anni ‘90, apparendo con una piccola parte vestendo i panni di un marine dei Navy Seals nel film «Soldato Jane» (1997) di Ridley Scott con Demi Moore. Ha poi recitato in numerose serie tv (tra le altre «Timecop», «Gli specialisti», «Walker Texas Ranger», «Zack e Cody al Grand Hotel», «Sons of Anarchy», Perception e «E alla fine arriva mamma»), oltre ad aver interpretato vari personaggi nella versione 2012 del videogame bellico Ghost Recon/Future Soldier. Con il suo accento russo impeccabile, Diatchenko ha riscosso successo in televisione, apparendo in popolari serie come «Csi Miami», «Senza traccia», «Criminal Minds», «Burn Notice», «Desire» e «Alias». 

Il 2008 è l’anno della definitiva consacrazione di Diatchenko che appare in «Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo», «Agente Smart - Casino totale» e si fa apprezzare per il talento comico nella commedia irreverente «Remarkable Power» con Tom Arnold e Kevin Nealon. Nel 2012 Diatchenko si è recato in Bulgaria per girare il film ambientato durante la seconda guerra mondiale «Company of Heroes», in cui recita al fianco di Tom Sizemore, Vinnie Jones e Chad Collins. Sempre nel 2012 Diatchenko è tra i protagonisti di «Chernobyl Diaries - La mutazione»: bloccati in una cittadina ucraina vicino Chernobyl, un gruppo di turisti si trova ad affrontare un’inquietante situazione. Nato l’11 aprile 1968 a San Francisco, in California, da padre ucraino e greco-svedese, Diatchenko coltiva fin da ragazzo la passione per la musica e da giovane decide di intraprendere la carriera di chitarrista classico. Da solista ha pubblicato quattro cd. La sua composizione per chitarra, «Tango en Paraiso», fa parte della colonna sonora del film «Remarkable Power».
Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Aprile 2020, 11:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA