Barbie, prodotta la prima bambola che rappresenta una persona con sindrome di Down

La nuova bambola fa parte della linea Barbie Fashionistas di Mattel, che mira a offrire ai bambini rappresentazioni di bellezza più diversificate e a combattere lo stigma delle disabilità fisiche

Barbie, prodotta la prima bambola che rappresenta una persona con sindrome di Down

È il momento delle Barbie. Il prossimo 20 luglio uscirà la pellicola dedicata alla bambola più famosa del mondo. Martedì, invece, la Mattel ha presentato la prima versione in assoluto della bambola Barbie che rappresenta una persona con la sindrome di Down. La nuova bambola fa parte della linea Barbie Fashionistas di Mattel, che mira a offrire ai bambini rappresentazioni di bellezza più diversificate e a combattere lo stigma delle disabilità fisiche.

Le precedenti Barbie Fashionistas hanno incluso una bambola con una protesi alla gamba, una con apparecchi acustici, un'altra con una sedia a rotelle e una con la vitiligine, una malattia della pelle che causa la perdita di pigmenti.

Per la nuova Barbie Fashionista, Mattel (MAT) ha dichiarato di aver lavorato a stretto contatto con la National Down Syndrome Society sulla forma, le caratteristiche, l'abbigliamento, gli accessori e la confezione della bambola per garantire che rappresenti accuratamente una persona con la sindrome di Down.

 

Questa condizione genetica influisce sulle capacità cognitive, causando difficoltà di apprendimento da lievi a gravi e caratteristiche facciali peculiari. 

«Questo significa molto per la nostra comunità, che per la prima volta può giocare con una Barbie che le assomiglia», ha dichiarato Kandi Pickard, presidente e amministratore delegato della NDSS. «Questa Barbie ci ricorda che non dobbiamo mai sottovalutare il potere della rappresentazione. È un enorme passo avanti per l'inclusione e un momento che stiamo celebrando».

Di recente la Mattel ha adottato un approccio più inclusivo nei confronti del suo iconico marchio Barbie, che ha 64 anni.

Ma l'azienda è stata a lungo criticata per aver dato alle bambine un modello di corpo femminile con proporzioni non realistiche.

Per decenni dopo il suo debutto nel 1959, le bambole Barbie hanno continuato a essere di carnagione chiara, bianche, snelle, bionde, con una vita molto stretta, un seno abbondante e sempre in bilico su tacchi troppo alti.

Infine, nel 2016, di fronte al calo delle vendite della bambola, Mattel ha trasformato Barbie in una rappresentazione più realistica, rendendo le nuove bambole più inclusive e diverse nell'aspetto. Barbie è stata reintrodotta in quattro tipi di corpo e sette tonalità di pelle, con 22 colori di occhi e 24 acconciature. La sua evoluzione continua con Barbie Fashionistas, arrivata tre anni dopo.

L'ultima bambola Fashionista, che Mattel ha dichiarato essere stata esaminata da un medico professionista, introduce una nuova scultura del viso e del corpo che illustra le donne con sindrome di Down, con una struttura più corta e un busto più lungo. Il viso presenta una forma più rotonda, orecchie più piccole, un ponte nasale piatto, mentre gli occhi sono leggermente inclinati a forma di mandorla.

I palmi delle mani presentano un'unica linea, una caratteristica spesso associata alle persone con sindrome di Down, secondo Mattel. La nuova Barbie indossa un plantare alla caviglia rosa in tinta con il vestito e le sue scarpe da ginnastica hanno una cerniera per rappresentare i bambini con la sindrome di Down, alcuni dei quali usano ortesi per sostenere i loro piedi e le loro caviglie.

Mattel ha dichiarato che il modello del vestito con maniche a sbuffo della nuova Barbie presenta farfalle e colori giallo e blu, simboli e colori associati alla consapevolezza della sindrome di Down.

La collana con ciondolo rosa della bambola con tre chevron verso l'alto, un simbolo che unisce la comunità della sindrome di Down, rappresenta le tre copie del 21° cromosoma, il materiale genetico che causa le caratteristiche associate alla sindrome di Down.

«Il nostro obiettivo è quello di permettere a tutti i bambini di vedere se stessi in Barbie, incoraggiando allo stesso tempo i bambini a giocare con bambole che non assomigliano a loro stessi», ha dichiarato in un comunicato Lisa McKnight, vicepresidente esecutivo di Mattel e responsabile globale di Barbie & Dolls. McKnight ha dichiarato che l'obiettivo della Mattel con la bambola è quello di «contrastare lo stigma sociale attraverso il gioco».

Il gioco con le bambole, al di fuori dell'esperienza vissuta da un bambino, può insegnare la comprensione e costruire un maggiore senso di empatia". Siamo orgogliosi di presentare una Barbie con la sindrome di Down per riflettere meglio il mondo che ci circonda e per promuovere il nostro impegno a celebrare l'inclusione attraverso il gioco", ha dichiarato.


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Aprile 2023, 16:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA