Austria contro l'ingresso dell'Ucraina nell'Ue. Il ministro degli Esteri: «Priorità ad altri Stati»

Austria contro l'ingresso dell'Ucraina nell'Ue. Il ministro degli Esteri: «Priorità ad altri Stati»

di Alessandro Rosi

L'Austria dice no all'ingresso immediato dell'Ucraina nell'Unione europea. Per il ministro degli Esteri Alexander Schallenberg occorre un «metodo diverso», riferisce l'agenzia austriaca Heute. Anche perché ci sono diversi Stati dei Paesi balcanici che stanno percorrendo una «lunga strada verso l'adesione». È il caso della Macedonia del Nord, dell'Albania, della Serbia e del Montenegro: che da oltre dieci anni hanno presentato la domanda per entrare a far parte dell'Europa.

Ucraina, due mesi di guerra: le foto simbolo del conflitto

Austria contro l'ingresso dell'Ucraina in Ue, i motivi

Per Schallenberg «devono esserci anche modelli diversi dalla piena adesione» all'Ue per Kiev. Basterebbe quindi l'ingresso nella zona economica o semplicemente il mantenimento dell'attuale status quo. Occorre inoltre sottolineare come le dichiarazioni del ministro degli Esteri austriaco sono state notate anche in Russia: nell'aggregatore di notizie News.yandex.ru sono diventate una delle notizie più importanti del giorno, con decine di servizi online in tutta il territorio

 

La risposta di Kiev: «Delusi»

Dall'Ucraina arriva grande amarezza per le parole di Schallenberg. Oleh Nikolenko, ministro degli Esteri ucraino, ha dichiarato la propria «delusione» per quanto dichiarato dal suo omologo. Anche perché la posizione dell'Austria rappresenta un freno all'ingresso dell'Ucraina in Ue. Si teme inoltre un effetto domino: con altre nazioni che potrebbero negare l'adesione. Per Nikolenko le dichiarazioni di Schallenberg sono «strategicamente miopi e incoerenti con gli interessi di un'Europa unita». Non solo. «Tali dichiarazioni ignorano anche il fatto che la stragrande maggioranza della popolazione dei membri fondatori dell'Ue sostiene l'adesione dell'Ucraina», ha aggiunto il ministro degli esteri ucraino citato dall'agenzia Ukrinform. Nikolenko ha ricordato che il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, aveva già notato che «il popolo ucraino paga un prezzo troppo alto per gli errori di molti governi europei. La loro percezione parziale della realtà ha già portato all'indebolimento politico ed economico dell'Europa, ha consentito alla Russia di minare la stabilità nell'Ue».

Il cancelliere austriaco Nehammer a Mosca da Putin: 75 minuti di colloquio «non amichevole»

Le parole di Ursula von der Leyen 

La posizione austriaca va contro le ultime parole della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sull'ingresso di Kiev nell'Unione Europea. «Ci appartengono. Li vogliamo dentro», sottolineava a fine febbraio. Mentre a inizio aprile la presidente era stata in visita in Ucraina per vedere alcuni dei posti più colpiti dagli attacchi russi e nell'occasione aveva incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, a cui aveva consegnato un questionario utile per avviare il procedimento di richiesta dell’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea.

Stupri in Ucraina, per i soldati russi «tacito consenso dalle autorità». La denuncia dell'Ong britannica


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Aprile 2022, 09:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA