"A Zara non ci pagano, aiutateci". Spuntano etichette nascoste nei vestiti a Istanbul

"A Zara non ci pagano, aiutateci". Spuntano etichette nascoste nei vestiti a Istanbul

  • 1 mila
    share
Un biglietto inatteso che alcuni clienti di Zara hanno trovato cucito dentro alcuni vestiti che stavano per acquistare. «Ho fatto questo capo che stai per comprare, ma non sono stato pagato». È successo a Istanbul e le foto delle etichette di denuncia sono presto diventate virali. Si tratta dei lavoratori della Bravo Tekstil, un'azienda fornitrice di Zara, Mango e Next, chiusa tempo fa e che ancora non ha pagato gli arretrati ai lavoratori. La notizia è stata diffusa dall'Associated Press ed è rimbalzata su tutti i siti internet. La stessa cosa era successa con alcuni capi di Primark tempo fa, quando una lavoratrice sottopagata aveva affidato la propria denuncia a un'altra etichetta nascosta. Zara era già stata al centro delle polemiche in tema di condizioni di lavoro e danni ambientali. La Inditex, secondo quanto riportato dalla Cnbc, ha precisato di aver versato alla Bravo quanto era dovuto. 

 
Martedì 7 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-07 16:53:41
ma in compenso le azioni e il fatturato vola ,cosa importa se la plebe aspetta o non viene nemmeno pagata .l'imporatnte che ce ne siano e tanti per dirigenti e direttori
DALLA HOME