Diletta Leotta e la bimba che nascerà ad agosto: «Volevo chiamarla come mia madre ma lei non vuole. Il matrimonio con Karius? Deve chiedermelo»

La conduttrice: «Se tutto va bene punto a tornare in campo subito. Magari non ad agosto, ma a settembre immagino di sì»

Diletta Leotta e la bimba: «Volevo chiamarla Ofelia»

Diletta Leotta sta per diventare mamma. Con Loris Karius è stato colpo di fulmine: «Ero a Parigi con le mie amiche per un weekend di tutte donne, eravamo a cena in posto tra l'altro pieno di ragazze stupende, bellissime, solo modelle, perchP c'era la Fashion Week. A un certo punto entra Loris e io dico alla mie amiche: ragazze, è entrato l'uomo della mia vita», racconta al Corriere della Sera. 

Nel giro di due mesi è rimasta incinta. «L'ho scoperto il 24 dicembre. Ho provato paura, ma anche gioia totale con Loris, amore all'ennesima potenza. Lui era superfelice, eravamo in videochiamata dalla mia camera, gli ho detto che stavo per fare il test e lui era supertranquillo; certo anche lui non se lo aspettava». la bimba nascerà ad agosto.

Paola Ferrari e la stoccata a Fabio Fazio: «Sono contenta che vada via. Io a Sanremo? Se lo ha fatto la Leotta...»

La carriera

«Se tutto va bene punto a tornare in campo subito. Magari non ad agosto, ma a settembre immagino di sì».Per ottimizzare la gravidanza dal 19 giugno arriva il suo podcast (disponibile anche su YouTube) "Mamma Dilettante£, un talk in cui chiacchiera con amici  famosi già genitori,  chiedendo consigli e suggerimenti sulla maternità. «Il podcast serve proprio per esorcizzare le paure.

Vedere cosa è successo alle altre donne è terapeutico, ti fa sentire meno sola, puoi condividere qualsiasi ansia e capire che tutte ci sono passate e le hanno superate».

 

Il matrimonio

«Al matrimonio ci penso. Ma deve chiedermelo lui. In questo sono tradizionalista». E il nome? «Ci eravamo trovati su Ofelia, che è il nome di mia mamma. Raro, importante, un bel nome, shakespeariano. Ma mia mamma non ha voluto, mi ha detto che per una figlia è una disgrazia, che lei ci ha sofferto tutta la vita. Peccato, ce l'avevo già tatuato sul polso».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 1 Giugno 2023, 19:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA