"The beautiful Ones", il genio di Prince tra musica e vita
di Rita Vecchio

"The beautiful Ones", il genio di Prince tra musica e vita

Fogli di musica, immagini indeite, appunti di vita. Trecento pagine emozionanti che raccontano la vita di Prince. Partendo da prima ancora che diventasse il genio musicale che era. “The beautiful ones” è un'opera che raccoglie il suo mondo è un tuffo in un'epoca che non c'è più. 

Quattro le parti che vanno dal'autobiografia incompiuta, interrotta a causa della tragica morte del 21 aprile 2016 nella sua casa di Paisley Park e che inizia dalla sua infanzia. I primi anni, di quando ha cominciato a fare musica, prima ancora dell'uscita del suo album di esordio "For you", con gli appunti scritti a mano. 

Un reportage fotografico di rarità che racconta il successo. Lui che nella carriera ha vinto sette Grammy Awards, un Golden Globes e un Oscar per il film “Purple Rain”, ed è nella Rock & Roll Hall of Fame dal 2004. E infine. la sezione dedicata a "Purple Rain". A curare l'introduzione è Dan Piepenbring che con lui ha collaborato. 

«Gi occhi e le orecchie di un compositore di canzoni non possono mai essere lodati abbastanza. - scrive Prince raccontando le origini, dove per “occhi” si intendono queli della madre e per “orecchie” il suono del pianoforte - Il modo in cui le cose appaiono e il modo in cui le cose suonano, quando vengono espresse liricamente, possono dare a una canzone un senso di apertura e pregnanza». È l'inizio del tutto. Di quel tutto che non si può conoscere. 
Martedì 3 Dicembre 2019, 11:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA