Ora Piero Pelù "Spacca l'infinito": il romanzo di una vita a tempo di musica
di Rita Vecchio

Ora Piero Pelù "Spacca l'infinito": il romanzo di una vita a tempo di musica

Nell'intro è il «rocker, l'attivista, l'anarcoide, il brado, el diablo, il pugile il gigante». Piero Pelù, fondatore e frontman dei Litfiba, concerti sold out e oltre sette milioni di dischi venduti, si lascia alle spalle tutto questo e scrive un romanzo in cui parte da quell'ancora prima, da quando quel ragazzino pieno di sogni dalle prove in uno scantinato sul Lungarno sale sui palchi più importanti.


Spacca l'infinito non è solo un verso della canzone ma anche il titolo del romanzo di una vita dedicato alle «sue ragazze e ai suoi ragazzacci», ma anche «alla diversità, alla paura, al bullismo e al pianeta Terra». Un libro da leggere fin dalle prime pagine con la curiosità, lo stupore e la meraviglia di un bambino, lo stesso bambino che c'è dentro di lui e a cui Pelù dice: «Se mi fossi dimenticato di te non sarei stato felice nemmeno un minuto».
Un romanzo che corre sulla linea del «seguire l'istinto», del «non avere paura di superare i confini, ovvero a sapere vedere c'è del buono anche nei momenti peggiori», del «tutto cambia da come lo affronti». È soprattutto in quel sapere che «Il viaggio è nel tuo sguardo, nelle tue parole, in ciò che sei. Non smettere mai di viaggiare».

 

Piero Pelù, Spacca l’infinito, il romanzo di una vita, Scrittori Giunti, p 271, 18 euro


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Venerdì 2 Aprile 2021, 19:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA