Paolo Malaguti, Se l'acqua ride. Il mozzo e la fabbrica che cambia il destino
di Paola Pastorini

Paolo Malaguti, Se l'acqua ride. Il mozzo e la fabbrica che cambia il destino

E’ il 1966, anno della grande alluvione. C’è Ganbeto, ragazzino che sale come mozzo sulla Teresina, imbarcazione del nonno, uno dei pochi burchi che resistono, e viaggia con i suoi carichi nel fitto reticolo di canali e fiumi del Veneto.

 

 

 

 

Ganbeto si sente invincibile ma dovrà fare i conti con il nuovo che avanza, con la sicurezza della fabbrica contro l’insicurezza dell’acqua. «Forse abbiamo avuto troppa fretta, abbiamo avuto poco affetto per il mondo di prima», ha detto Malaguti. Il romanzo è arrivato secondo al Premio Campiello.

Paolo Malaguti, Se l’acqua ride, Einaudi, 185 p, 18,50 euro.


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Settembre 2021, 10:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA