'Non sono vinta, raccolta di scritti tra anarchia e antifascismo': a Milano la presentazione del libro di Virgilia D’Andrea

'Non sono vinta, raccolta di scritti tra anarchia e antifascismo': a Milano la presentazione del libro di Virgilia D’Andrea

Si terrà a Milano sabato 12 ottobre alle ore 18 la presentazione del libro ’Non sono vinta, raccolta di scritti tra anarchia e antifascismo’ di Virgilia D’Andrea edito dalla casa editrice romana Rina Edizioni. L’incontro si svolgerà alla libreria Colibrì Caffè Letterario - via Laghetto 9 – con lo storico Lorenzo Pezzica e l’autore David Bernardini. Presenteranno non solo la raccolta di scritti ma anche l’autrice: maestra elementare, poeta e giornalista. E un’antologia in cui sono raccolti gli scritti poetici tra il 1919 e il 1932 che ricostruiscono il suo percorso politico e civile in difesa dell’anarchia e dell’antifascismo.



In un periodo storicopolitico in cui si ritorna a parlare di nazionalismo, fascismo, di odio verso lo straniero e repressione, questa raccolta restituisce il contributo e l’impegno intellettuale, politico e civile di Virgilia D’Andrea all’interno del movimento anarchico. Si distingue infatti per essere riuscita a far convergere la sua fede anarchica con una forte inclinazione poetica. Una testimonianza e un contributo al sostegno per la difesa comune della libertà, ispirandosi agli ideali di giustizia civile che incitano alla rivolta e rivendica i principi di solidarietà e collaborazione.

L’autrice
Virgilia D’Andrea (1888-1933). Maestra elementare, poeta, giornalista si dedicò completamente alla lotta anarchica e alla critica antifascista, anche durante l’esilio in Francia e negli Stati Uniti. Molti dei suoi scritti poetici e politici uscirono in varie raccolte: Tormento (1929); Torce nella notte (1933); L’ora di Maramaldo (1925) e «Veglia», rivista da lei fondata e diretta (1926-1927).

Rina Edizioni
Un realtà editoriale romana e tutta al femminile con un filo rosso che lega i titoli. Sono infatti donne che raccontano di donne attraverso un progetto preciso: recuperare e ripubblicare scrittrici dimenticate. Le prime due collane prendono il titolo di Libertarie: voci di scrittrici italiane con i testi di Amalia Guglielminetti e Matilde Serao. E Biblioteca pratica per la donna italiana, in cui si recuperano testi delle autrici che offrivano consigli pratici destinati alla sfera domestica.

Venerdì 11 Ottobre 2019, 15:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA