Massimo Giletti e il suo libro denuncia: "Le dannate", le donne indomite che hanno lottato contro la Mafia
di Rita Vecchio

Massimo Giletti e il suo libro denuncia: "Le dannate", le donne indomite che hanno lottato contro la Mafia

Quando un libro racconta in modo appassionato e chiaro la storia di tre donne coraggiose che lottano, con l'idea di non lasciarle sole. Ecco Le dannate di Massimo Giletti (presentato oggi a Milano alle 18 alla Mondadori Duomo, modera Edoardo Vigna). Le tre donne sono le sorelle Napoli - Marianna, Ina e Irene - che da anni urlano contro intimidazioni e minacce di cui sono vittime tra le campagne siciliane di Mezzojuso, comune in provincia di Palermo, dove hanno l'azienda agricola.

Le tre dannate, appunto, come erano state definite durante un'intercettazione telefonica. Il fatto - trattato a Non è L'Arena su La7 da Giletti, fatto per cui si è sentito dare del farabutto dalla gente del luogo - apre uno spaccato duro e crudo dell'Italia, dove «all'arretratezza come scelta precisa, deliberata, - si legge nelle pagine - di chi comandava davvero da quelle parti e sapeva che il progresso avrebbe portato inevitabilmente cultura ed emancipazione», si intreccia la figura della donna.

Della fimmina. Quella che non deve fiatare. Quella che fa emergere «chi ha il potere e di chi non ce l'ha»: «perché sono donne, fimmine, e come tali destinate ancora di più a subire, ad arrendersi», dice Giletti. E cita il giudice Paolo Borsellino: «Non ho mai chiesto di occuparmi di mafia. Ci sono entrato per caso. E poi ci sono rimasto per un problema morale. La gente mi moriva attorno. Potevo io lasciarle sole?». Questa la domanda di Massimo Giletti. E questo libro, non è che la risposta.
riproduzione riservata ®
Martedì 25 Giugno 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA