Il mio anno di riposo e oblio, Ottessa Moshfegh e l'ereditiera infelice che dorme per dimenticare il mondo
di Paola Pastorini

Il mio anno di riposo e oblio, Ottessa Moshfegh e l'ereditiera infelice che dorme per dimenticare il mondo

C’era una volta la bella addormentata. Nel bosco? No, nell’Upper East Side di New York.



Lei è una giovane milionaria depressa che per guarire si imbottisce di psicofarmaci per “addormentarsi” per un anno. È “Il mio anno di riposo e oblio” romanzo dell’americana Ottessa Moshfegh, osannata autrice di racconti, che narra della distopica ereditiera orfana, tanto ricca quanto infelice. Romanzo arguto e ironico, si legge d’un fiato.

Ottessa Moshfegh, Il mio anno di riposo e oblio, Feltrinelli, p 231, 17 euro
Martedì 18 Giugno 2019, 09:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA