Da Facebook alla musica, Il Pagante arriva in libreria con Destinazione Privè
di Ida Di Grazia

Da Facebook alla musica, Il Pagante arriva in libreria con Destinazione Privè

Il Pagante è un collettivo che nasce come pagina Facebook nel 2010 e diventata ben presto opinion leader dei modi di dire e del ragionamento “alla milanese”. Il Gruppo iniziale ha però subito negli anni una forte evoluzione, che lo ha portato a raggiungere importanti risultati non solo in quello che è diventato il suo core business (la musica), ma anche nei numerosi settori in cui è attivo. Ora Il Pgante è in libreria con "Destinazione Privè".

BiancaGuaccero: «La Carrà è il mio mito, ora sogno di cantare»​
"Storie Bastarde" la Roma anni Settanta va in scena da Fabio Avaro​



Musica a palla. I PR e le preve. Dompe fluo. Pass. Privé. Tavoli. Sbocciare. Hype. Guastalla. Shampiste, sono alcune delle parole-chiave che pullulano nelle pagine di Destinazione privé e sulle bocche di una generazione, quella dei venti-trentenni di oggi, che ha nella notte uno status-symbol universale. Johnny Il Pagante la racconta da par suo. Lui, che delle tenebre milanesi è il cantore e il protagonista più accreditato, si fa voce, passione, strategia e occhi dell’intera comunità dei paganti che insegue un’eterna promessa di gioia effimera.
Con canzoni come "Entro in Pass", "Si Sbocci"a e "Pettinero", Johnny e il suo gruppo tracciano un solco con il resto del mondo musicale. Johnny è uno pseudonimo collettivo che descrive linguaggio e avventure di un popolo alla ricerca di un senso. È la generazione di “Johnny Il Pagante”. Partendo dal Lime Light, passando per Courmayeur, fino alle spiagge di Mykonos e al Red Light District di Amsterdam, questo libro è un coinvolgente romanzo-reportage di sapore neorealista sulle ambizioni e i comportamenti di una generazione prontissima a pagare cash il proprio divertimento.
«Ma le mie “canzoni” sono solo parole, le parole di un narratore con occhio saccente e un po’ cinico. Un occhio abbiente, ma comprensivo. Un occhio riflessivo, ma godereccio. Un occhio su questa generazione, che, forse, merita ben più di un’occhiata».

 
Lunedì 6 Maggio 2019, 13:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA