Elisabetta II e le sue donne: dieci figure femminili per conoscere la regina

Elisabetta II e le sue donne: dieci figure femminili per conoscere la regina

di Totò Rizzo

Di Elisabetta II s’è tanto scritto che spostare il focus, adottare uno sguardo trasversale, cambiare il punto di vista, porta aria nuova all’analisi di un personaggio tanto popolare, amato, ma anche discusso, criticato, controverso, di sicuro autorevolmente invasivo (pur con regale riservatezza) nella storia fra due secoli. Così Eva Grippa – giornalista “specializzata” nelle vicende della royal family – con il suo Elisabetta e le altre offre al lettore una lente attraverso cui guardare alla regina, nel pubblico e nel privato, nel suo ruolo istituzionale e in quello personale di figlia, ragazzina, sorella, donna innamorata, madre, suocera, prendendo a pretesto dieci donne che l’hanno affiancata nel corso dei suoi 96 anni. Si va dalla “mummy” Elizabeth che le ha forse instillato nel dna l’amore per una certa indipendenza dalla “tata” Crawfie, le prime figure di Piccadilly Road, a quelle che le sono orbitate attorno nei più austeri manieri, il sempre malsopportato Buckingham e l’amatissimo Balmoral. In questa curiosa galleria di ritratti senza censure ci sono la sorella Margareth, con la sua vita infelice e turbolenta, la figlia Anna la cui esistenza ricalca quella della zia, le nuore Diana, Camilla e Sarah, ognuna fonte di grattacapi e dolori. E poi le nipoti acquisite Kate, futura regina, e Meghan l’americana dell’abiura, per non dire del personaggio che le cambiò, suo malgrado e per interposta persona, la vita, Wallis Simpson. Una nuova biografia, dunque, diversa dalle biografie ufficiali e non.


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Settembre 2022, 09:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA