Com'era bella la nostra campagna, la nostalgia dell'infanzia nell'autobiografia di Paolo Moreno
di Paola Pastorini

Com'era bella la nostra campagna, la nostalgia dell'infanzia nell'autobiografia di Paolo Moreno

Uno sguardo su una vita contadina che ormai sembra lontana anni luce dalla nostra realtà, ma che fa parte della storia di Paolo Moreno.

Nell'autobiografia Com'era bella la nostra campagna, Moreno narra l'infanzia tra il 1945 e il 1965, con la severità del collegio dei Gesuiti e la spensieratezza delle vacanze estive con i fratelli e i cugini: nove ragazzini nelle Langhe.
Da un lato la famiglia patriarcale e l'educazione rigida, dall'altro la terra con i riti di mietitura del grano e della vendemmia. E intorno la società che cambia, tra avvento della tv e la corsa ad abitare nelle grandi città.

Paolo Moreno, Com'era bella la nostra campagna, Albatros, 284 p, 14,50 euro 
Martedì 7 Gennaio 2020, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA